Google+

Che pena tutti quei grandi chef che aspettano le stelle (di gomma) Michelin per sapere se sono bravi

novembre 7, 2013 Tommaso Farina

Ok, sono uscite le stelle. Va beh, in cielo ci sono da milioni di anni, qual è la novità? Eppure no, tutti gli anni arrivano le stelle in terra. Quelle dell’illustre, intoccabile Guida Michelin, la bibbia rossa (o almeno, aspirante tale) della ristorazione mondiale.

Tutti gli anni, almeno in Italia, sempre la stessa minestra: la Michelin in questo periodo presenta se stessa. Ossia, le stelle. Non dopo non aver fatto come una bella figa: ad alcuni le ha “promesse”, spesso non accontentandoli. E la cosa grave è che spesso costoro se la prendono, perché ci credevano.

Cos’ha fatto sì che la ristorazione diventasse questo? Ristoratori che rincorrono una stelletta di carta, anzi di gomma? Un maligno potrebbe a questo punto sostenere che dopo l’ambìto riconoscimento di solito il cuoco alza i prezzi, di un bel 20 per cento. Ma a noi la malignità non appartiene…

La solfa è sempre quella: un androne pieno di curiosi di ogni genere e foggia, tutti convocati, al segnale convenuto, per orecchiare l’improcrastinabile oracolo, come se si trattasse del sorteggio calcistico della Champions League. Tutti prosternati alla Bibbia, come solitamente si genuflettono allo chef fashion di turno. Pure su facebook e dintorni, pare una sorta di finalissima dell’indimenticato “Lecchino d’oro” ideato dai ragazzacci di Cuore: bene, bravi, bis, ma quanto siete belli, quanto siete fighi, quanto siete fenomenali. E tutto per una guida che tratta l’Italia come una nazione di paria gastronomici: confrontate il numero delle mitiche “stelle” della sola Parigi con quelle di Roma. Anzi, di tutto il nostro paese.

Ok, avremo un altro tre stelle. E allora? Niko Romito, un attimo prima delle tre stelle, cucinava forse peggio? C’è bisogno della Michelin per capire che si tratta di un gigante del fornello? A quanto pare, sì. Ma il problema non è neanche della Michelin. Loro fanno un prodotto, probabilmente discutibile (come ogni cosa al mondo, se è lecito avere opinioni), ma lo fanno. Lo vendono. Il problema, come sempre, non è chi vende ma chi compra. O meglio, l’atteggiamento, la predisposizione con cui lo compra.

La Michelin ha potuto sedimentarsi nell’immaginario collettivo perché è stata la prima. E sempre lo sarà. Anche quando, negli anni scorsi, a volte dimenticava di togliere ristoranti chiusi dalle sue pagine. Così, diventa un oracolo. Abbiamo sentito ristoratori dire più volte: «La Michelin è l’unica guida autorevole». Salvo poi cambiare precipitosamente idea quando venivano orbati di una stella. Tutto è relativo dunque? E allora, lasciateci pensare a una ristorazione senza stelle. Di gomma.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana