Google+

Che fa il grillino quando finisce nei guai? «Chiede garantismo»

aprile 21, 2016 Redazione

livorno-sindaco-nogarin-m5s-ansa

“Conti in rosso, veleni e avvisi di garanzia. Così la Livorno grillina è finita sotto accusa”. È questo il titolo che assegna oggi Repubblica a un articolo memorabile dedicato al comune toscano in cui si racconta come «la conquista a sorpresa (da parte del Movimento 5 Stelle, ndr) della città che diede i natali al Pci e che non aveva mai tradito la sinistra per ora si è rivelata vuoto a perdere».

LA VICENDA. Il guaio che sta travolgendo la giunta pentastellata di Livorno riguarda l’azienda municipale dei rifiuti, la Aamps, divenuta un caso che «riempie le pagine dei quotidiani locali da mesi». Compaiono cifre spaventose che rappresentano debiti ormai inaffrontabili, presunte evasioni fiscali, buchi di bilancio. È naturalmente in corso un’inchiesta da parte della magistratura. L’assessore al bilancio è indagato e, sostiene Repubblica, «il sindaco potrebbe subire la stessa sorte».

IL SILENZIO DEL VERTICE. Tuttavia non sono questi fatti a rendere l’articolo degno di essere appeso in bacheca. È tutto da vedere come si concluderà la cosa sul piano giudiziario. Piuttosto, il passaggio da segnarsi riguarda il curioso «silenzio tenuto sin qui dai vertici del Movimento», solitamente così sollecito a chiedere la pubblica gogna per “i corrotti” anche quando questi ultimi sono solo presunti. Lo stesso sindaco Filippo Nogarin sembra intenzionato ad accantonare nel caso specifico la caratteristica “diversità grillina” e per una volta – guarda caso proprio questa volta – «chiede garantismo».

Scrive Repubblica:

«Il sindaco Filippo Nogarin è in trincea. Presto un avviso di garanzia potrebbe piombare anche sulla sua scrivania, visto che gli atti contestati e varati dall’assessore al Bilancio Gianni Lemmetti sulla vicenda Aamps, la controllata dei rifiuti oberata dai debiti, li ha controfirmati lui. E a Lemmetti l’avviso è già stato recapitato. “Mi raccomando – va dicendo Nogarin in questi giorni – non fate forcaioli…”. Sembra quasi una battuta, in bocca a un grillino doc».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Giannino Stoppani scrive:

    Sì, però forse era meglio precisare che i debiti non li hanno fatti i grillini…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Svelata la concept che anticipa la nuova WRC del Double Chevron, attesa ai vertici del Campionato mondiale rally 2017. Esteticamente simile a una Gruppo B degli Anni ’80, può contare su di un 1.6 turbo benzina da 380 cv.

La concept spagnola ama l’off road. Al 2.0 TDI da 190 cv si accompagnano il cambio a doppia frizione DSG, le 4WD e un allestimento estetico degno di una 4x4 nuda e pura. Potrebbe derivarne una versione di serie.

Debutta la variante tutto terreno della wagon tedesca. Può affrontare facili sterrati grazie all’assetto regolabile, all’altezza da terra superiore allo standard e a protezioni specifiche. Motori turbodiesel di 2,0 e 3,0 litri da 195 e 258 cv.

Il lieve restyling della berlina/wagon nipponica porta in dote una superiore insonorizzazione dell’abitacolo e il sistema di gestione dell’erogazione G-Vectoring Control. Confermati i propulsori, arricchito il capitolo sicurezza.

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana