Google+

C’era una volta re Baldovino, che abdicò per non firmare la legge sull’aborto. E ci insegnò la coscienza

aprile 4, 2013 Pino Suriano

C’era una volta un re, il re Baldovino. Ma non “una volta” sperduta nel tempo, “una volta” concreta e neppure troppo lontana. Era il 4 aprile del 1990. In Italia c’era fermento per i Mondiali quando le Camere del Belgio approvarono un disegno di legge che depenalizzava l’aborto entro le prime dodici settimane di gravidanza. Il popolo belga aveva detto sì attraverso i suoi rappresentanti, ma c’era un problema: il re.

La legge, per concludere il suo iter, aveva bisogno della sua firma di ratifica, ma la sua mano proprio non ce la faceva a firmare. Qualcosa, in lui, diceva di no a quella prassi che aveva tutti i crismi della correttezza istituzionale: democratica, moderna, evoluta. Si rischiò la crisi istituzionale. Alla fine dovette cedere, ma con uno di quegli stratagemmi che ti fanno amare gli stratagemmi. Cedette l’uomo di stato, non l’uomo. Re Baldovino abdicò per due giorni, smise di essere re per permettere l’iter legislativo in sua “assenza”. Non fermò la legge sull’aborto, ma neppure la firmò.

Ci insegnò una cosa grande, di fronte ai nuovi miti della modernità, del “ce lo chiede l’Europa”, del “non si può fermare la storia”. Ci insegnò che esiste una coscienza, nell’ultimo suddito come nel suo re. «So che agendo così – scrisse al Capo del Governo Wilfried Martens – non scelgo una strada facile e che rischio di non essere capito da un buon numero di concittadini. Ma è la sola via che in coscienza posso percorrere».

C’era una volta un re di nome Baldovino. Lui e sua moglie, la spagnola Fabiola, avevano una grande fede cattolica. Avevano anche un dispiacere: non avevano potuto avere figli.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

10 Commenti

  1. Marco scrive:

    Pari pari ad un vostro grande amico, Giulio Andreotti, che invece firmò la legge sull’aborto altrimenti “il governo sarebbe caduto”. Voi ciellini siete proprio bravi, complimenti.

  2. Michelotto scrive:

    Ho sentito che è in corso il processo di beatificazione per questo re. Che grandezza!!!
    P.S. Comunque Pino, ti vorrei chiedere un favore: continua a scrivere questi articoletti che sono veramente belli e fanno riflettere!!!
    Ciao, a presto!!!

    • Giulio Dante Guerra scrive:

      Preghiamo perché il processo si concluda presto e positivamente. Così avremo, dopo l’imperatore d’Austria Carlo d’Asburgo-Lorena, un altro sovrano del XX secolo elevato all’onore degli altari per la sua azione di uomo politico e di capo di stato. Non so se sia chiaro a tutti quanto mise a rischio re Baldovino il futuro del suo regno, con quella “abdicazione temporanea”: il terzo giorno avrebbe potuto trovare, al posto del regno del Belgio, due “staterelli provvisori”, uno fiammingo ed uno vallone, in lotta fra di loro.

  3. pikassopablo scrive:

    siete proprio sepolcri imbiancati!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana