Google+

Cento scatti per raccontare il decimo parallelo

gennaio 31, 2012 Mariapia Bruno

Il titolo Decimo Parallelo Nord – Fotografia contemporanea da India e Sud America si riferisce al parallelo geografico che unisce idealmente i due continenti protagonisti della retrospettiva fotografica dell’ex Ospedale Sant’Agostino di Modena. Da Madurai 9°55N a Caracas 10°30N oltre cento opere – tra video, fotografie, animazioni e istallazioni – mostrano la varietà culturale, naturale, storica e artistica delle due zone vista da una pluralità di sguardi. Diversi i contesti formativi dei vari autori: gli artisti indiani dedicano il loro lavoro al racconto del colonialismo britannico, quelli sudamericani si concentrano sulla rappresentazione della natura vista spesso come fonte ancestrale di vita, specchio dei comportamenti umani e risorsa sfruttata dall’uomo senza alcun ritegno.

«Credo che il tratto comune a molti di questi artisti sia la naturalezza quasi imbarazzante con cui affrontano temi forti – dichiara il curatore della mostra Filippo Maggia -, associata alla loro capacità di restituirci pensieri ed emozioni in forma di immagini con grande delicatezza, anche quando i soggetti o i contesti sono di sofferenza e dolore. Al rigore orientale, al concettualismo dell’Est Europa e all’immediatezza sfrontata di mediorientali e africani, indiani e sudamericani contrappongono passione e sentimento. Tutto ciò sullo sfondo di una natura generosa quanto spietata». A spiccare tra gli artisti Dayanita Singh (New Dehli 1961), nota per il lavoro Myself Mona Ahmed (1989-2001) che ritrae un eunuco, e Ketaki Sheth (Bombay, 1957), allieva del maestro della fotografia indiana Raghubir Singh che presenta alcuni ritratti tratti da Twinspotting, un lavoro in bianco e nero dedicato alle coppie di fratelli gemelli. Dal 18 febbraio al 29 aprile 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana