Google+

Cari sindaci, anziché alle nozze gay, pensate a come abbassare le tasse

ottobre 13, 2014 Redazione

«La notizia di oggi è che le tasse comunali più alte d’Italia sono a Roma e a Bologna. Ai cittadini di quelle due città interessa molto più che i loro sindaci facciano pagare meno tasse piuttosto che impegnarsi su una cosa che la legge non prevede». Lo ha detto il titolare del dicastero degli Interni, Angelino Alfano, riferendosi al fatto che i primi cittadini delle due città hanno dichiarato essere loro intenzione procedere nella trascrizione dei matrimoni omosessuali, nonostante la direttiva del ministro.
Sabato Alfano ha dichiarato anche che il suo «non è un attacco alla loro autonomia ma è solo fare rispettare la legge. Quando la legge sarà cambiata potranno pretendere, se sarà cambiata in quella direzione, che il ministro dell’Interno faccia rispettare un’altra legge. Poi, diciamolo francamente, si tratta di alcuni sindaci parecchio noti ma ricordo che in Italia ce ne sono più di ottomila e se oggi protestano in 10, 15 o 20 la protesta non è di tutti. Intanto, noi sappiamo che il giorno 15 c’è un Consiglio dei ministri che riguarda la legge di stabilità e noi chiediamo maggiore attenzione per le famiglie».

I NUMERI. I dati cui si riferisce Alfano sono quelli che sono stati diffusi dalla Cgia di Mestre, secondo cui le tasse più alte in Italia si registrano a Bologna, a Roma, a Bari e a Genova. L’Ufficio studi della Cgia è giunto a questo risultato calcolando il prelievo che una famiglia tipo di 3 persone dovrà subire quest’anno per onorare il pagamento della Tari (la nuova tassa sui rifiuti), della Tasi (il tributo sui servizi indivisibili) e dell’addizionale comunale Irpef. In classifica anche Milano, Torino e Napoli, i cui rispettivi sindaci si sono anch’essi ribellati ad Alfano.

tasse-comuni-cgia

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

11 Commenti

  1. Valentina scrive:

    Nozze gay e tasse sono due argomenti completamente diversi, non c’entrano nulla l’uno con l’altro. Io direi che sarebbe giusto ammettere le nozze gay e abbassare le tasse, effettivamente troppo alte.

    • Fran'cesco scrive:

      Valentina,
      i sindaci ti verranno a dire che non possono abbassare le tasse locali, perche’ il governo centrale “costringe” i sindaci a metter piu’ tasse…
      Invece la decisione di trascrivere le nozze gay (che non compete ai sindaci) si puo’ fare eh?

    • giuliano scrive:

      cara Valentina forse se guardi la natura ti rendi conto che le nozze gay sono una anomalia (mostruosa). Le rondini maschi e femmina fanno il nido dove nascono i piccolini, i cigni idem, le capre idem, i conigli anche, i gatti si accoppiano maschi e femmine. Anche nella vegetazione si vede la stesa tematica tra chi impollina e chi riceve i pollini. Quindi se insisti a dire che è giusto il matrimonio gay vuol dire che ha seri problemi

    • Toni scrive:

      Cara Valentina , ma le nozze gay cosa ci azzeccano con i sindaci? Niente….è propaganda! In un Stato serio prenderebbero metaforiche pedate nel culo.
      Sulle tasse qualcosa potrebbero fare, ma ci vuole capacità, un requisito che spesso non ti porta nell’immediato alla ribalta, e che di sicura non ti procura la simpatia dei gay friendly, anzi può suscitare l’invidia di politici inetti.
      Sono tempi tristi, cara signora mia, si celebra “il servilismo e l’omologazione …. con asini travestiti da leoni”.

    • Toni scrive:

      Cara Signora Valentina, come sono d’accordo con Lei, sono due cose che non c’entrano nulla. Si figuri , sono tanto d’accordo con lei al punto di spingermi a puntualizzare che istituzionalmente, le nozze gay, non c’entrano nulla con i sindaci. Tranne che … per propaganda.
      Mentre c’entrano con i sindaci le tasse, con limiti… ovvio, ma hanno spazzi legittimi di manovra. C’è solo una piccola difficoltà, è facile per un sindaco, in uno stato senza serietà, fare propaganda , ma è difficile avere il talento , la capacità, di saper fare qualcosa di concreto, come abbassare le tasse, per la gente tutta.
      Ma non solo, cara Signora c’è, in una epoca buia come questa, anche la circostanza che l’eccellenza ….non paga. Pensi ad un sindaco indifferente a trascrizioni di parodie di matrimoni, ma abile, come possa essere considerato dai gay friendly e dalla massa di inetti che illuminano la nostra politica che vedono con enigmatico sospetto qualcosa di sconosciuto (il talento che li sovrasta e gli crea timore.

      Allora dobbiamo accontentarci si Sindaci che con la loro propaganda ricordano la favola di Tolstoj … asini, nascosti con la pelle da leone. Bisogna stare attenti, come la volpe, per sentire il loro ragliare.

      PS – Signora valentina, la moderazione , monellina, mi ha bloccato un post, per una (dico una) parola bruttina … per cui mi sono impegnato a riproporlo in una forma (spero) consona.

  2. jens scrive:

    Abbassare le tasse? Giammai! E poi dove li troviamo i soldi per assumere in comune amici, parenti, amici degli amici di sindaco e assessori? Che i sudditi (pardon, cittadini) muoiano pure di fame! Ma noi dobbiamo pensare a come rimanere al potere e non lasciare neppure le briciole.

  3. Mappo scrive:

    Valentina, fare pagliacciate sui matrimoni gay non costa nulla e ti permette di pavoneggiarti sulle tv e la stampa amica,inoltre in fin dei conti è un’ottimo trampolino di lancio per ulteriori sviluppi della propria carriera politica. Tagliare le tasse invece è una grande fatica e comporta magari di dover scontentare gli amici, gli amici degli amici e quegli amici potenti che nulla hanno da obbiettare sui matrimoni gay, ma che se ne avrebbero a male se il sindaco tagliasse ad esempio certe ricche consulenze esterne o certi finanziamenti a pioggia. Così va il mondo.

    • salvatore scrive:

      uomini di buona volontà cercate di fare del bene sociale a tutti gli italiani bisognosi prima di fargli ai stranieri avete capito mi ai

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana