Google+

Carbonara alla marchigiana apoteosi di golosità

maggio 27, 2017 Tommaso Farina

IMG_5793-18-05-17-16-21

Benché “adottata” in maniera semi-ufficiale dalla tradizione gastronomica romana, la pasta alla carbonara in realtà ha un’origine più complessa e non troppo antica. Secondo una teoria tutt’altro che azzardata, questo condimento per spaghetti e bucatini nacque addirittura in una base militare americana in Italia nel corso della guerra, pare per matrimoniare l’italica pasta all’amore dei soldati per le uova al bacon. Una certezza definitiva non potrà mai esserci. Tuttavia, la carbonara è preparata gloriosamente non solo a Roma ma in tutto il centro Italia. Nelle Marche, ad esempio.

E la nostra ultima scoperta a Milano è il De Pasajo, sottotitolato “Dal Marchigiano”: un ristorantino dalle parti di Porta Genova, dedito alla cucina di quella regione. Il nome esotico è dovuto al suo fondatore, il brasilero Josè De Moraes. Ma i piatti sono marchigianissimi. Nell’ambiente osteriesco e accattivante, ecco dunque l’assaggio di formaggi regionali; la porchetta; le arcinote olive all’ascolana e i cremini fritti, direttamente da una bottega artigiana di Ascoli Piceno; le fritturine vegetariane in latte e farina.

Coi primi piatti, il trionfo. La carbonara è cremosa, mantecata alla perfezione, resa preziosa dal guanciale marchigiano e dal pecorino romano grattato in losanghe: apoteosi di golosità. Non mancano comunque anche altri classici di peso: la cacio e pepe; l’amatriciana; la gricia; l’aglio, olio e peperoncino. O magari, le mezzemaniche con zucchine e pecorino.

E per secondo? La lonza affumicata. La salsiccia marchigiana, o lo scottadito, o gli arrosticini. Roba semplice ma autentica, magari da abbinare a un puré di patate e broccoli.

Non troppo complicati anche i dolci: tiramisù, crema catalana. Il locale nasce come vineria, dunque l’elemento vinoso e alcolico è ben rappresentato, con criterio e intelligenza. Niente follie nemmeno nel conto: ve la cavate con 40-45 euro. A pranzo pure molto di meno, e senza costrizioni di menù obbligati, cosa sempre apprezzabile. Unico problema: trovare parcheggio.

Per informazioni: De Pasajo – Dal Marchigiano Via Cesare da Sesto, 7 – Milano Tel. 3393791893 Chiuso lunedì a pranzo e tutta la domenica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana