Google+

Cannabis terapeutica. La scienza demolisce la propaganda

luglio 4, 2016 Redazione

Il 25 luglio approda in Aula alla Camera la proposta di legge sulla legalizzazione della cannabis. La Repubblica, che intervista a proposito il direttore dell’Istituto farmacologico “Mario Negri”, Silvio Garattini, parla di «data storica», mentre in pagina esalta l’arrivo negli ospedali italiani dei primi 10 kg di marijuana terapeutica.

Il professor Garattini, però, smorza l’entusiasmo, attaccando innanzitutto le presunte “qualità terapeutiche” della cannabis:

«Di conclamato non c’è niente perché nulla di esaustivo è stato stabilito dall’autorità regolatoria, ma al momento i campi con possibili benefici sembrano tre. La cura nella spasticità della sclerosi multipla, che però è una parte minore della sclerosi. Quindi nella terapia del dolore, ma in questo caso non ci sono confronti con i farmaci già esistenti che giustifichino la preferenza della cannabis. Si ipotizza infine un uso per attenuare la nausea provocata dalla chemioterapia, ma mancano i paragoni con i prodotti».

Poi il colpo finale con il quale ricorda che la medicina è scienza, non propaganda per altri fini:

«Se un fenomeno deve essere valutato come farmaco sarebbe bene che la parte relativa agli studi medici sia più avanzata. In più il fatto di dire genericamente che ci sono dei benefici non fa che aumentare la confusione».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. Sebastiano scrive:

    Mi chiedo come mai GG da faccialibro non sia intervenuto in strenua difesa della canna. E sì che lui è un esperto…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta in Brasile la nuova generazione della SUV americana di medie dimensioni. Attinge allo stile dell’ammiraglia Jeep, non rinuncia a una discreta propensione all’off road e può contare su di una ricca dotazione multimediale e di sicurezza. In Europa nel 2017.

La concept car Trezor mostra al Salone di Parigi come potrebbero essere le Renault sportive di domani: elettriche, connesse e a guida anche autonoma

Lo step da 120 cv del 1.6 td Fiat è ora abbinabile alla trasmissione a doppia frizione DCT a 6 rapporti. La nuova dotazione, proposta al probabile prezzo di 1.900 euro, è dedicata alla famiglia Tipo e alla crossover 500X.

Per la nuova stagione i tecnici si concentrati soprattutto sulle prestazioni del motore. Grazie al lavoro di sviluppo, il grosso monocilindrici guadagna 6 cv e 3 Nm.

La compatta elettrica francese adotta un nuovo pacco batterie da 41 kWh che porta a 400 km l’autonomia. Debuttano il ricercato allestimento Bose e i servizi Z.E. Trip e Z.E. Pass per semplificare la ricarica presso le colonnine pubbliche. Prezzi da 25.000 euro.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana