Google+

Anziché la “Buona Scuola” ci vorrebbe un documento intitolato: “Libertà di educazione. Educazione della libertà”

Una valutazione dopo un corso di formazione sui Bisogni educativi speciali (BES), con un preparato gruppo di esperti dell’Università cattolica di Milano, sul tema: LA CORNICE NORMATIVA E LE STRATEGIE DIDATTICHE ED EDUCATIVE PER L’INCLUSIONE.

Interessante, per almeno tre ragioni.

1. La normativa. Poiché la legge non indica solo procedure e strumenti, ma promuove un principio. In questo caso il principio è l’inclusione. Tutti a scuola e mai più scuole speciali.

2. I numeri. Pare che i ragazzi con difficoltà di apprendimento – disabili, dislessici, disgrafici, ADHD (da Deficit di Attenzione/Iperattività) e altro – siano circa 1.000.000 (un milione) su una popolazione scolastica (scuola primaria e secondaria) di poco più di 7.000.000 (sette milioni) di persone.

Il che significa due cose:

  • Sono tanti i bambini, i ragazzi e i giovani che faticano ad accedere alla conoscenza.
  • Sono tanti gli adulti, insegnanti in questo caso, e genitori aggiungiamo noi, che faticano a sostenere il rapporto con i nostri/loro figli (perché hanno paura, perché non sanno cosa dire, perché sono soli ecc.) e trasformano una faccenda educativa in un caso patologico. Il che significa un’altra cosa: c’è in questo Paese un problema enorme. E c’è un grande bisogno di adulti, tra cui gli insegnanti, che siano in grado di assumersi la responsabilità di tirar grandi i nostri figli e che siano decisi a farlo.

3. La politica. Per fare questo sarebbe di grande aiuto un sistema libero, capace di valorizzare chi ottiene risultati, pronto a comprendere e governare i cambiamenti in atto eccetera eccetera. Invece siamo fermi allo stato ottocentesco, siamo qui a discutere di scuola statale e paritariasenzaparitàreale, facciamo documenti sulla BUONA SCUOLA e di questo neanche parliamo, elaboriamo studi pedagogici nelle nostre Università, per di più non statali, e non diciamo niente in proposito.

ALLORA UNA PROPOSTA: Cari Presidenti del Consiglio, cari Nazareni tutti e due, il documento sulla scuola intitolatelo in questo modo: Libertà di educazione. Educazione della libertà. 

Caro Rettore dell’Università cattolica, perché non suggerisce anche lei questa ipotesi di lavoro?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. laura cioni scrive:

    eh si, concordo con quanto dite. Ho risposto ai quesiti posti dalla buona scuola, con una lieve speranza…ma i contributi suggeriti erano così prevedibili da confermarmi nell’opinione che ci vorrebbe un genio per mutare una situazione da molti anni peggiorata. La centralità del compito dei docenti quasi del tutto ignorata, questa a mio parere la mancanza più grave.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana