Google+

Da una parte chi smonta le bufale scientifiche, dall’altra chi sparge letame e rompe finestre

maggio 24, 2014 Angela Cossu

Proprio quando si sta svolgendo la settimana per la corretta informazione scientifica, in cui scienziati e divulgatori di tutta Italia stanno compiendo uno sforzo enorme per spiegare, interagire, provocare sul tema, arriva in tutta risposta l’ennesimo attentato animalista.

Da una parte vediamo studenti, ricercatori e comuni persone interessate che s’inventano flash mob in camice bianco nelle piazze di tutta Italia per sensibilizzare grandi e piccini sulla scienza, la veridicità delle informazioni, le fonti affidabili.

Dall’altra una banda di assaltatori che, in nome della causa animalista, lancia vernice, sparge materiale maleodorante (feci?) e rompe finestre, impedendo il lavoro dei ricercatori ed intimorendo chi, con gli esperimenti di ogni giorno, cerca di capire le malattie e creare delle cure. Sono state colpite infatti delle istituzioni (il Dipartimento Scienze farmacologiche e biomolecolari dell’Università Statale e quello di Biotecnologie mediche e medicina traslazionale) che, a Milano, mettono grandi energie nella ricerca per il bene di tutti.

Da una parte ci sono conferenze, tenute da relatori anche di spicco, che informano sulle “bufale” più diffuse e le teorie del complotto, scie chimiche, sperimentazione animale, omeopatia, staminali, Ogm, vaccini. Tutte gratuite, tutte aperte al pubblico ed al dibattito.

Dall’altra dei vili incursori che, non avendo ragioni razionali a favore delle loro tesi, agiscono di notte con le uniche armi che gli rimangono, sicuramente le peggiori che l’umanità conosca: la violenza e la stupidità.

Per gli interessati, le ultime date della Settimana per la corretta informazione scientifica, in diverse città d’Italia, possono essere trovate qui

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

9 Commenti

  1. m.b. says:

    … per fare conferenze veramente istruttive bisognerebbe avere una pluralità di fonti che agli organizzatori della bufala è servita, sembra proprio non piacere, detto questo credo che sia un pò strano come articolini come questo continuino a “cavalcare” pseudonotizie di cattivoni animalisti che fanno cosacce.. (chi?quando?…bo!.. )..sembra quasi che le sappiano solo loro queste cose (protest and company)che ben hanno capito che se ci si può creare l’immagine della vittima in Italia si riscuote un pò di successo..peccato però che fare le vittime che inneggiano a favore di vaccini, ogm e sa non paga molto poichè saremo anche italiani ma proprio tutti scemi non lo siamo..

    • jolanda says:

      …meno male che i vittimismi animalisti sono invece un esempio di pluralità di fonti e apertura al confronto!

    • Mappo says:

      Hitler era un animalista.

    • ac says:

      Ah questa gente che inneggia ai vacchini! che cattivoni! osano salvare vite umane!
      Animalisti, antivaccinisti, antiogm… tutti antiprogresso con il cervello rimasto al medioevo. Andate a vivere nella jungla a coccolare le bestie feroci e lasciateci vivere in pace.

  2. claudio says:

    L’uomo è un animale che sta distruggendo la Terra. Dobbiamo sparire…COMINCIATE VOI AMICI ANIMALISTI!!!

  3. carlo says:

    Scusate, ma chi ha eletto chi a proclamare la “verità scientifica”? L’omeopatia è una branca della medicina, applicata da medici in tutto il mondo; gli ogm, dati in cibo a ratti(ahimè la sperimentazione animale serve, anche a confermare ciò che volete far passare per bufale) causano aumento dei tumori; le scie chimiche sono una realtà inequivocabile, cominciano persino ad ammetterlo i responsabili, dicendo che è una cosa innoqua (non che non esistono…); vaccini, vi ricordate le “pandemie”, quanti morti hanno fatto, e quanti miliardi di dollari hanno fruttato??
    Condanno ogni atto incivile fatto sotto qualunque bandiera, ma comprendo chi non ce la fa più a vedere il mondo in mano a chi possiede e sa servirsi dei mezzi di comunicazione…

    • Curiosità says:

      Gentile signor Carlo,
      se avesse partecipato a queste conferenze invece di scrivere baggianate, avrebbe forse cambiato idea.
      E’ dimostrato come l’omeopatia sia solo placebo, ed un enorme spreco di soldi.
      Quello studio sui ratti che cita, è stato già screditato da tempo e ritirato, in quanto diceva falsità
      ….ed i vaccini… senza saremo ancora al medioevo.

      Per cui, per cortesia, si informi da fonti affidabili prima di dare aria alle fauci

  4. giuliano says:

    non c’è da stupirsi della stupidità degli animalisti, essi sono tutti rossi. Mi ricordo che negli anni 70 dicevano che la scienza aveva dimostrato che il feto non è un essere umano. Essi sono cretini ma pericolosi in quanto riescono ad agitare il male che c’è negli uomini. Essi non vogliono uccidere un agnello ma vogliono uccidere un bambino

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download