Google+

Budapest, 23 ottobre 1956. Quel grido di popolo che sembrava morto ma c’era. Sotto la neve

ottobre 23, 2012 Pino Suriano

L’eroe del giorno è un popolo che grida. La forma dello Stato, per un popolo, è come un vestito. Se è stretto, lo soffoca. Non tutti, però, hanno la forza e il coraggio di reagire. Non subito, almeno. Il comunismo sovietico, per esempio, era un vestito stretto, una camicia di forza. Qualcuno si adattò e lo sopportò a lungo, qualcun altro no. E gridò, prima degli altri. Prima della Primavera di Praga, prima di Solidarnosc, prima della Romania, prima di Gorbaciov,  prima di tutto gli altri gridarono Polonia e Ungheria.

IL GRIDO UNGHERESE. Era il 1956. Il grido ungherese partì in un giorno drammatico di ottobre. Arrivò forte e chiaro a Mosca, che nel giro di due settimane lo seppellì con i carri armati. O meglio, pensò di averlo seppellito, perché quel grido c’era ancora, come il “seme sotto la neve”. Quando la neve si sciolse, ricomparve.

IL 23 OTTOBRE. Era un bel giorno del 1988, quello in cui, per la prima volta, furono commemorati pubblicamente i caduti di quel grido del ‘56. Era un bel giorno del 1989, quello in cui, finalmente, l’Ungheria fu proclamata Repubblica indipendente. Era sempre lo stesso bellissimo giorno di ottobre, il 23.

QUEL GRIDO C’È, SOTTO LA NEVE. Anche oggi, 23 ottobre, l’Ungheria celebra quel grido che sembrava morto ma non lo era. E che ancora oggi non muore, anche in questi tempi tristi e strani, anche ora che quel comunismo non c’è più, negli uomini e nei popoli. Non si vede ma c’è, sotto la neve.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download