Google+

Budapest, 23 ottobre 1956. Quel grido di popolo che sembrava morto ma c’era. Sotto la neve

ottobre 23, 2012 Pino Suriano

L’eroe del giorno è un popolo che grida. La forma dello Stato, per un popolo, è come un vestito. Se è stretto, lo soffoca. Non tutti, però, hanno la forza e il coraggio di reagire. Non subito, almeno. Il comunismo sovietico, per esempio, era un vestito stretto, una camicia di forza. Qualcuno si adattò e lo sopportò a lungo, qualcun altro no. E gridò, prima degli altri. Prima della Primavera di Praga, prima di Solidarnosc, prima della Romania, prima di Gorbaciov,  prima di tutto gli altri gridarono Polonia e Ungheria.

IL GRIDO UNGHERESE. Era il 1956. Il grido ungherese partì in un giorno drammatico di ottobre. Arrivò forte e chiaro a Mosca, che nel giro di due settimane lo seppellì con i carri armati. O meglio, pensò di averlo seppellito, perché quel grido c’era ancora, come il “seme sotto la neve”. Quando la neve si sciolse, ricomparve.

IL 23 OTTOBRE. Era un bel giorno del 1988, quello in cui, per la prima volta, furono commemorati pubblicamente i caduti di quel grido del ‘56. Era un bel giorno del 1989, quello in cui, finalmente, l’Ungheria fu proclamata Repubblica indipendente. Era sempre lo stesso bellissimo giorno di ottobre, il 23.

QUEL GRIDO C’È, SOTTO LA NEVE. Anche oggi, 23 ottobre, l’Ungheria celebra quel grido che sembrava morto ma non lo era. E che ancora oggi non muore, anche in questi tempi tristi e strani, anche ora che quel comunismo non c’è più, negli uomini e nei popoli. Non si vede ma c’è, sotto la neve.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un accessorio può fare la differenza? Snob Milano, giovane realtà della provincia di Varese, ne è convinta. E difatti rimpolpa il suo catalogo, già ricco di occhiali da sole e da vista, con le due nuove maschere da moto Café Bubble e Café Flat, ricercate nel design e nei contenuti tecnici.  I punti in comune  Amate […]

L'articolo Snob Milano Café Bubble e Café Flat proviene da RED Live.

Il Wörthersee Meeting, vale a dire il più grande raduno tuning dedicato alle vetture del Gruppo VW, è da sempre una ghiotta occasione per i dipendenti della Casa tedesca per mostrare al mondo delle concept che, spesso, anticipano i modelli destinati a entrare in produzione. Così è avvenuto per la Golf GTI Clubsport. E così […]

L'articolo VW Golf GTI First Decade: la prima volta dell’ibrido proviene da RED Live.

La SUV nipponica si rinnova puntando su di una linea aggressiva e un telaio dalla superiore rigidità torsionale. Confermata la gamma motori che ai benzina 2.0 e 2.5 vede affiancarsi un 2.2 td. Debutta il sistema G-Vectoring Control.

L'articolo Mazda CX-5: a me gli occhi proviene da RED Live.

Compatta, anzi compattissima, e a zero emissioni. La e.Go Life rappresenta ad oggi il progetto più concreto di city car elettrica “indipendente”, vale a dire nata fuori dalla sfera di controllo dei grandi costruttori. Una vettura che fa dell’economia il proprio fiore all’occhiello, dato che in Germania è già ordinabile con prezzi a partire da […]

L'articolo e.Go Life: indipendenza elettrica proviene da RED Live.

Era arrivato il momento… In effetti dalla presentazione del Diablo Scooter sono passati dodici anni: correva l’anno 2005 e ad oggi l’evoluzione dei mezzi è stata incredibile, soprattutto in termini di prestazioni. Per Pirelli si è trattato di un investimento importante che ha dato due frutti che coprono la quasi totalità di tipologie di scooter presenti […]

L'articolo Prova Pirelli Angel e Diablo Rosso scooter proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana