Google+

Budapest, 23 ottobre 1956. Quel grido di popolo che sembrava morto ma c’era. Sotto la neve

ottobre 23, 2012 Pino Suriano

L’eroe del giorno è un popolo che grida. La forma dello Stato, per un popolo, è come un vestito. Se è stretto, lo soffoca. Non tutti, però, hanno la forza e il coraggio di reagire. Non subito, almeno. Il comunismo sovietico, per esempio, era un vestito stretto, una camicia di forza. Qualcuno si adattò e lo sopportò a lungo, qualcun altro no. E gridò, prima degli altri. Prima della Primavera di Praga, prima di Solidarnosc, prima della Romania, prima di Gorbaciov,  prima di tutto gli altri gridarono Polonia e Ungheria.

IL GRIDO UNGHERESE. Era il 1956. Il grido ungherese partì in un giorno drammatico di ottobre. Arrivò forte e chiaro a Mosca, che nel giro di due settimane lo seppellì con i carri armati. O meglio, pensò di averlo seppellito, perché quel grido c’era ancora, come il “seme sotto la neve”. Quando la neve si sciolse, ricomparve.

IL 23 OTTOBRE. Era un bel giorno del 1988, quello in cui, per la prima volta, furono commemorati pubblicamente i caduti di quel grido del ‘56. Era un bel giorno del 1989, quello in cui, finalmente, l’Ungheria fu proclamata Repubblica indipendente. Era sempre lo stesso bellissimo giorno di ottobre, il 23.

QUEL GRIDO C’È, SOTTO LA NEVE. Anche oggi, 23 ottobre, l’Ungheria celebra quel grido che sembrava morto ma non lo era. E che ancora oggi non muore, anche in questi tempi tristi e strani, anche ora che quel comunismo non c’è più, negli uomini e nei popoli. Non si vede ma c’è, sotto la neve.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana