Google+

Borletti Buitoni e i “quattro fagiolini” (cosa volete? Le scuse come in Un pesce di nome Wanda?)

maggio 30, 2013 Tommaso Farina

Toccare i totem, si sa, è pericolosissimo. Lo sappiamo bene noi di Tempi, che siamo abituati a fare battaglie su cose che la religione del politicamente corretto ritiene sacre e inviolabili.

E l’ha appurato Ilaria Carla Anna Borletti Dell’Acqua in Buitoni, il sottosegretario col nome più lungo del mondo. Contro di lei un fuoco di sbarramento, una sorta di gara allo stracciamento di vesti. E che ha fatto, che ha detto la signora approdata a supporto del dicastero dei Beni culturali? Ha sfregiato il David di Michelangelo? Ha detto che Dante è da buttare? Ha minacciato di togliere sovvenzioni al teatro d’opera? Ha fatto crollare ancora una volta le rovine di Pompei? Niente affatto: ha dichiarato, in maniera invero un poco semplicistica, di preferire la sana cucina tradizionale a quella più innovativa.

Certo, l’ha fatto in maniera grossolana: «Spero di non offendere nessuno con questo parere, ripeto, strettamente personale, ma confesso che, come forse la maggior parte degli italiani, tra quattro fagiolini che circondano un minuscolo pezzettino di carne e un piatto di pappardelle al sugo di lepre, preferisco la seconda opzione». E in questo non c’è niente di male. Certo la frase poteva essere equivocata, giacché difficilmente l’innovazione in cucina può identificarsi coi fagiolini di cui parla. Più spesso, è la rielaborazione caleidoscopica di pietanze tradizionali, che acquisiscono un nuovo volto: si veda il “bollito non bollito” strepitoso dell’Osteria La Francescana di Modena, le meraviglie del cui cuoco, Massimo Bottura, i lettori di Tempi già conoscono.

E va bene: un peccato di superficialità. Ma le persone sono forse perfette? Quanta gente dice cose affrettate, a suffragio di una propria opinione? Quella della Borletti, letta due o tre volte, è solo e soltanto un’opinione. Come quella di milioni di altre persone. Come quella, inversa, di altri milioni ancora, che invece la lepre la odiano. Non c’è nulla di male.

Eppure, il male, che quasi sempre è nelle orecchie di chi ascolta, qualcuno ce l’ha trovato. Un sacco di ristoratori da copertina si sono risentiti, roba da non credere. Per loro, anzitutto l’opinione della Borletti è sbagliata e vergognosa. Ma questo era ovvio. Era il meno. Per loro, più precisamente, la Borletti avrebbe dovuto tacere. Nientemeno, per ragioni di “galateo istituzionale”. Sembra di sentire il solito squittio pappagallesco ripetuto a macchinetta dai soloni anti Berlusconi. Con in più il timore che la Borletti medesima, con le sue dichiarazioni da lapidazione immediata, potesse aver danneggiato la ristorazione. Proprio così, danneggiarla. La cosa divertente, o grottesca, è che probabilmente lo pensano davvero. Allo stesso modo con cui costoro credono, forse, di rappresentare la totalità della ristorazione.

Così non deve stupire se Massimiliano e Raffale Alajmo, quelli del buonissimo Le Calandre di Rubano, Padova, non solo dicono che «tale dichiarazione fatta da chi ci dovrebbe rappresentare sia la dimostrazione che sia la persona sbagliata nel posto sbagliato», ma si spingono oltre: «In un periodo storico come quello attuale, farci rappresentare da una persona che non ha la benché minima idea di quanto i ristoratori italiani in Italia e nel mondo facciano da ambasciatori per il Paese e per i nostri prodotti è inaccettabile. Una presa di posizione, netta e chiara verso il Sottosegretario sarebbe un esempio di quanto l’Italia sia unita almeno a tavola». Insomma, cacciatela dal Regno. Magari con una bella scarica di nerbate e l’obbligo di recitare l’atto di contrizione di Un pesce di nome Wanda.

Sarà mica che questa paura, francamente sproporzionata, derivi da inconsci timori di vedere crollare (per ben altri motivi) un mondo di cartapesta? Un mondo di marchette, di ruffiani, di eventi sberluccicanti pieni di musica lounge e di finger food, oltre che di giornalisi adoranti che hanno imparato la lezione a memoria. Vogliamo sperare che il mondo della buona tavola non sia solo questo. E lo diciamo pensando al merluzzo nero di Massimo Bottura, che non a caso, nel replicare alla signora, ha mantenuto un profilo assolutamente elegante ed esemplare, senza trasudare voglia di giustizia sommaria. Una lezione di stile. Signori, se la ristorazione è in crisi non è colpa di quel che pensa la Borletti.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana