Google+

Blasfemia, adulterio, sodomia, furto: le «punizioni coraniche» secondo lo Stato islamico

dicembre 18, 2014 Redazione

stato-islamico-isis-codice-penaleIl 15 dicembre la Jihadi Media Platform ha pubblicato un documento nel quale vengono specificate le «punizioni coraniche» vigenti come codice penale sotto lo Stato islamico. Tradotte in inglese da Memri, le riportiamo di seguito in italiano.

Blasfemia contro Allah: morte.
Blasfemia contro il profeta Maometto: morte, anche se l’accusato si pente.
Blasfemia contro l’islam: morte.
Adulterio: lapidazione fino alla morte se chi commette adulterio è sposato; 100 frustate più esilio se lui o lei non è sposato/a.
Sodomia (omosessualità): morte per chi commette l’atto, morte per chi lo riceve.
Furto: amputazione della mano.
Bere alcol: 80 frustate.
Diffamazione: 80 frustate.
Spionaggio per gli infedeli: morte.
Apostasia: morte.
Banditismo (basato su Corano 5:33): 1) Omicidio e furto: morte e crocifissione; 2) Omicidio: morte; 3) Furto (come parte di banditismo): amputazione della mano destra e della gamba sinistra; 4) Terrorizzare le persone: esilio.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

8 Commenti

  1. Livio scrive:

    questo elenco di punizioni mi fa solo venire voglia di sbraitare contro l’Islam

  2. Mappo scrive:

    Nella sua “finezza” questo codice penale sembra più farina del sacco dei grillini e dei pennivendoli del Fatto Quotidiano che non opera dei tagliagole di ISIS

  3. Ale92 scrive:

    Se leggete dalla Torah, Esodo, Levitico, Numeri e Deuteronomio troverete anche di peggio. Ma anche a leggere certi passaggi di Paolo vi sembrerà di leggere gli scritti di un imam.
    Alla fine è il messia Gesù lo snodo e infatti lui stesso ha detto “Io sono la verità e la vita nessuno arriva al Padre se non attraverso Me”. Se Gesù è un profeta anche per i musulmani, perché non mettono in pratica le sue parole? La salvezza dell’Islam è in Gesù Cristo perché solo attraverso le sue parole si può liberare di queste leggi ferre e scoprire l’amore di Dio per il creato e il comandamento di amare anche i propri nemici!

    • angelo scrive:

      cara\o ale92 , passi per il levitico – antico testam – ma paragonare san paolo a un imam mi sembra troppo. il fatto che considerino Gesù un profeta a te può sembrare molto, ma di fatto è un declassamento: da messia e Figlio di Dio a PENULTIMO PROFETA perchè il primo – cioè l’ultimo, il COMPIMENTO è maometto. quale sia il modo migliore per rapportarsi all’islam non lo so. se prendi i singoli, può bastare la nostra testimonianza caritatevole, ma non pensare di convincerli sul piano religioso . a livello mondiale capiscono solo il linguaggio della forza.

    • stefania scrive:

      ma che stai a dire…ma quale gesu’ cristo….perfavore smettiamola con ste stupidaggini….siete tutti invasati voi religiosi….io le abolirei tutte le religioni….ha fatto bene mao tse tung ad abolire la religione in cina….anche se e’ l’unica cosa buona che ha fatto…non vi rendete nemmeno conto di quello che dite…..e mi limito qui…..

  4. giuliano scrive:

    dovremmo ribellarci ai progressisti e fare guerra sopratutto a loro che ci stanno portando in bocca all’Islam

  5. beppe scrive:

    passate l’elenco al giullare di stato e vediamo se gli viene qualche buona idea. si offrono come CONSULENTI magdi allam e suab sbai. buon lavoro robertino. ti promettiamo un monumento come difensore della civiltà occidentale dalla barbarie.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana