Google+

Bizzarro e inarrestabile, Robert Combas trionfa nella sua Lione

febbraio 7, 2012 Mariapia Bruno

Graffianti, colorate, invadenti, euforiche, rock e pop: le opere di Robert Combas sono il biglietto da visita di questo iper-contemporaneo artista francese (Lione 1957). Dipinge freneticamente, poggia la tela sul pavimento, l’accarezza, l’osserva, poi crea, si ferma e riparte con maggiore furore, cambia colori e strumenti. Eclettico e bizzarro, non è solo pittore ma scultore, disegnatore, musicista rock e fondatore – alla fine degli anni ’70 – del gruppo Les Démodés. E dal prossimo 24 febbraio al Musée d’art contemporain di Lione la retrospettiva “Greatest Hits” permetterà di conoscere meglio la produzione di Combas. Per la prima volta in assoluto, infatti, saranno esposte circa 300 opere raccolte da importanti collezioni pubbliche e private di tutto il mondo. Un percorso cronologico avvolgente che racconta la crescita di un personaggio in grado, sin da giovanissimo, di mischiare arte contemporanea e rock creando non solo dipinti e sculture ma anche “attività satelliti”, cioè composizioni non eseguite da lui ma trasformate secondo il suo stile.


Curata da Richard Leydier, affiancato dall’artista stesso, la retrospettiva ha inizio con i lavori di Combas eseguiti all’Ecole des Beaux-arts di Montpellier, per poi proseguire con quelli del periodo “Arab Pop” (periodo contraddistinto da una serie di disegni eseguiti nello stile “Pop Art Orientale”, inventato dallo stesso artista, e ispirati alle soluzioni originali dei parrucchieri africani del quartiere Barbès di Parigi), fino allo “Stile Combas” per eccellenza, dal quale emergono quelle figure euforiche ricorrenti in tutte le sue composizioni. È lo stile del periodo tra l’84 e l’88, caratterizzato da composizioni selvagge, nate da impulsi quasi bestiali. Un incontro con un genere di arte che si ribella a ogni schema e che coinvolge il visitatore con la sua linfa vitale perfettamente in linea con la cultura popolare dei sobborghi parigini degli anni ’80, culla di fumetti e giovani menti ingovernabili.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Johnnie Reckart scrive:

    I just want to say I am just all new to blogging and certainly savored your web-site. Likely I’m likely to bookmark your site . You definitely come with fantastic posts. Kudos for revealing your blog site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana