Google+

Barilla & Boldrini. «Anche noi Ostellino ci sentiamo discriminati in quanto famiglia “sessista”»

ottobre 5, 2013 Piero Ostellino

barilla-pubblicita«Da cinquant’anni la mia famiglia assomiglia a quella della pubblicità televisiva della pasta Barilla: la moglie, che ha cucinato (bene) e che serve marito e figli; l’uno e gli altri, a tavola, in attesa di essere serviti. La famiglia di mia figlia – lei, il marito, due figli – assomiglia anch’essa a quella della Barilla. Sono quelle che si dicono comunemente due famiglie “normali” – di cui, peraltro, noi non ci vantiamo affatto – anche se io preferisco dire “tradizionali”. Ma, per la presidentessa della Camera, la mia famiglia è, invece, il segno distintivo di una cultura “sessista”. Forse, dovremmo vergognarcene.

Dopo il pubblico linciaggio del povero Barilla – bastonato per aver pubblicizzato la propria pasta rivolgendosi alle famiglie più numerose (quelle tradizionali) come suggerisce ogni manuale di marketing, e la lezione di “politicamente corretto” che ci è stata impartita – noi ci sentiamo discriminati. Penso che la signora Boldrini dovrebbe farsi promotrice di una legge contro la discriminazione degli eterosessuali. (…)

Strano Paese il nostro. Ha una ben singolare idea della democrazia. Non fa una piega se dei fanatici insultano e minacciano chi non la pensa come loro e, poi, si scandalizza perché molte mogli cucinano e servono a tavola marito e figli. Se la ragione della stranezza sta, anche qui, nell’applicazione-interpretazione, del secondo comma dell’articolo 3 della Costituzione, non vedo francamente come la Repubblica potrebbe eliminare le differenze “di fatto” in questione – che sono la conseguenza della libera scelta di uomini e donne di gestire la propria sessualità come credono – se non punendo penalmente i gay come si faceva in Urss, anche di quelli maggiorenni e consenzienti, ovvero relegando le famiglie tradizionali in una condizione di minorità di fronte ad un’opinione pubblica completamente instupidita.

Diamoci, allora, una bella regolata. Noi italiani non siamo più democratici di altri popoli perché abbiamo l’irrealistico e inapplicabile articolo 3 della Costituzione e lo vogliamo applicare anche là dove sarebbe ridicolo solo parlarne. Sembriamo unicamente più stupidi. Sarebbe, perciò, bene ci si informasse tutti meglio — a cominciare dai rappresentanti delle pubbliche istituzioni — su che cosa sia la democrazia e si evitasse il politicamente corretto quando finisce palesemente per tracimare nel ridicolo. Come è accaduto nel “caso Barilla”».

Piero Ostellino, Corriere della Sera

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. giovanni scrive:

    Ma la boldrini non è quella che, “la rai bene ha fatto quando si è rifiutata di trasmettere miss italia”, mentre senza farsi tanti problemi è andata con la canoista al gay pride di palermo.

  2. beppe scrive:

    la cosiddetta intelighentja di sinistra domina incontrastata nella tv, carta stampata, rete. ci vorrebbero centinaia di Ostellino per rompere il fronte dell’omologazione. siamo al ridicolo che la maggioranza viene ridicolizzata e insultata. quello che è più desolante è lo spazio che viene concesso a soubrettes o pseudo giornaliste che tra lacrimucce e sentimentalismo fanno passare ogni obbrobrio, dall’eutanasia in giù.

  3. Quercia scrive:

    Dopo Galli della Loggia, ora arriva Ostellino. Che il Corriere si stia finalmente svegliando?

  4. Italo Sgrò scrive:

    La verità è che la Boldrini non sa cucinare, stirare e nemmeno lucidare i pavimenti e questo le provoca un’invidia senza confini.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana