Google+

Barack Obama, quando scambiammo un eroe per un dio

novembre 6, 2012 Pino Suriano

Essere eroi comporta un problema. Avendo in sé tratti divini (i greci li ritenevano nati dal legame amoroso di un uomo e di un dio), gli eroi rischiano spesso di essere scambiati per divinità. Quattro anni fa è capitato a un americano di colore. Su di lui si è riversata la speranza di una nazione, di un mondo.

Non una speranza piccola, di miglioramento, ma una speranza grande, di cambiamento. Indefinita e totale, come quelle che solo al divino si possono affidare. Il 5 novembre del 2008 mi sorprese, in classe, il sorriso stampato in volto a una mia allieva. «Perché sono contenta, professore? Oggi è un grande giorno per tutti noi». Ancora mi chiedo cosa avesse immaginato.

Sono trascorsi quattro anni. Barack Obama è un presidente che ha fatto cose buone e meno buone. Oggi qualcuno sceglierà di votarlo, qualcun altro no. Di quella speranza grande, però, non c’è più traccia. «Avevamo sperato fosse Bob Kennedy, e così non è stato» ha scritto Richard Cohen del Washington Post. “Obama, come no? Ma non è più la stessa cosa” scrive oggi Massimo Gramellini sulla Stampa. Quella ragazza, domani, non sorriderà per la sua probabile vittoria. Non ci penserà neppure, forse.

Buon risveglio dal sogno, America. Buon risveglio, Barack, anche se tu sapevi tutto già quattro anni fa. Mi piace immaginarti, la notte dell’elezione, mentre andavi a letto con gioia mista a tremore, chiedendoti: “Come posso io soddisfare tanta speranza?”. Sapevi già, quella sera, di non potercela fare. Troppo bella e troppo grande è la speranza che si accende nei cuori degli uomini. Troppo grande anche per i più grandi eroi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    sarà anche che dopo aver vinto il nobel per la pace ha spedito droni a bombardare a destra e manca.

  2. Giovanna Pastasciutta scrive:

    Se vince Obama saro’ contenta come 4 anni fa.
    Obama non mi ha mai deluso, anche se certe scelte e atteggiamenti non li condivido.
    Forza Obama Abbasso l’altro che non mi ricordo neppure come si chiama!!!

  3. W Obama scrive:

    e i miei commenti con tanto di cuoricini e stelline per Obama dove sono finiti?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana