Google+

Barack Obama, quando scambiammo un eroe per un dio

novembre 6, 2012 Pino Suriano

Essere eroi comporta un problema. Avendo in sé tratti divini (i greci li ritenevano nati dal legame amoroso di un uomo e di un dio), gli eroi rischiano spesso di essere scambiati per divinità. Quattro anni fa è capitato a un americano di colore. Su di lui si è riversata la speranza di una nazione, di un mondo.

Non una speranza piccola, di miglioramento, ma una speranza grande, di cambiamento. Indefinita e totale, come quelle che solo al divino si possono affidare. Il 5 novembre del 2008 mi sorprese, in classe, il sorriso stampato in volto a una mia allieva. «Perché sono contenta, professore? Oggi è un grande giorno per tutti noi». Ancora mi chiedo cosa avesse immaginato.

Sono trascorsi quattro anni. Barack Obama è un presidente che ha fatto cose buone e meno buone. Oggi qualcuno sceglierà di votarlo, qualcun altro no. Di quella speranza grande, però, non c’è più traccia. «Avevamo sperato fosse Bob Kennedy, e così non è stato» ha scritto Richard Cohen del Washington Post. “Obama, come no? Ma non è più la stessa cosa” scrive oggi Massimo Gramellini sulla Stampa. Quella ragazza, domani, non sorriderà per la sua probabile vittoria. Non ci penserà neppure, forse.

Buon risveglio dal sogno, America. Buon risveglio, Barack, anche se tu sapevi tutto già quattro anni fa. Mi piace immaginarti, la notte dell’elezione, mentre andavi a letto con gioia mista a tremore, chiedendoti: “Come posso io soddisfare tanta speranza?”. Sapevi già, quella sera, di non potercela fare. Troppo bella e troppo grande è la speranza che si accende nei cuori degli uomini. Troppo grande anche per i più grandi eroi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    sarà anche che dopo aver vinto il nobel per la pace ha spedito droni a bombardare a destra e manca.

  2. Giovanna Pastasciutta scrive:

    Se vince Obama saro’ contenta come 4 anni fa.
    Obama non mi ha mai deluso, anche se certe scelte e atteggiamenti non li condivido.
    Forza Obama Abbasso l’altro che non mi ricordo neppure come si chiama!!!

  3. W Obama scrive:

    e i miei commenti con tanto di cuoricini e stelline per Obama dove sono finiti?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

Non ne troverete traccia in nessun listino. Né del passato, né del presente. Perché la Hoonicorn 2 è un esemplare non solo unico, ma addirittura fuori da ogni schema. La nuova arma di Ken Block, forse il più istrionico e scapestrato pilota che l’America abbia mai conosciuto, è una Mustang del 1965 – o quello […]

L'articolo Hoonicorn 2: 1.400 cv per la Pikes Peak proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download