Google+

La provvidenziale sveglia ha lasciato Balotelli a sbadigliare in camera, anziché davanti alla Kyenge

settembre 10, 2013 Redazione

La sveglia di Mario Balotelli non è suonata e lui ha saltato l’incontro col ministro Cécile Kyenge. Tutti i giornali a parlare di “balotellata”, lui costretto in nome del politically correct a scusarsi, tutti a darsi di gomito sull’ennesima gaffe dell’attaccante del Milan. E la ministra? La ministra a rincarare la dose sul fatto che il «razzismo è una partita che va giocata tutti insieme» e bla bla bla. Che noia, che palle.

Ma avete letto cosa ha detto il ministro all’incontro? Ecco, frasi di questo tipo: «La Nazionale di calcio è un modello di quella che dovrebbe essere l’Italia di domani», lo sport può essere uno strumento «per camminare e per lavorare insieme nel percorso di cambiamento culturale contro ogni forma di razzismo», «c’è ancora tanto da fare ma lo dobbiamo fare tutti, ciascuno per la sua parte di responsabilità». Dopo tali sensazionali parole, stupisce che non abbia fatto un appello per salvare di foche monache del Mediterraneo.

Insomma, non ha tutti i torti oggi il Foglio a notare che Balotelli «è italiano e nero, è nero e perfettamente italiano perché è bravo, sta bene nel suo Paese e nel suo accento bresciano. È un italiano famoso nel mondo e non ha bisogno delle campagne ministeriali per difendere il suo diritto ad essere quello che è già. Mentre Cécile Kyenge, che ai giornali piace più perché è nera che per quel che dice, bizzarro caso di razzismo al contrario, è costretta dal ruolo a fare prediche sul dover essere. Un italiano vero non ha bisogno di starla ad ascoltare».

Le prediche della Kyenge sul razzismo, insomma, sono il modo peggiore per combatterlo. La provvidenziale sveglia ha così permesso, una volta tanto, che gli sbadigli di fronte alla ninna nanna del politicamente corretto non si facessero alla cerimonia ufficiale. Ma nel luogo a loro più consono: sotto le coltri del letto.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

3 Commenti

  1. beppe scrive:

    è ora che sempre un maggior numero di persone dica chiaro e tondo a questa paraculata del pd che ha rotto con le sue nenie. che le sue lezioncine le vada a fare a chi ammazza gli italiani per noia. che non siamo disposti a sentire lezioni sulla necessità di RIPENSARE IL CONCETTO DI CITTADINANZA. ma stiamo scerzando?

  2. Mappo scrive:

    Spero per il bene mentale della ministra che le scemenze che va dicendo a destra e a manca le debba dire solo per esigenze contrattuali e non perché ci creda davvero.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Estrema tanto nell’aspetto quanto nella meccanica, la concept coreana anticipa la prima sportiva affidata al reparto Hyundai N. Adotta un 2.0 turbo benzina da 380 cv abbinato a un cambio a doppia frizione e alla trazione integrale.

La seconda generazione della SUV tedesca cresce nelle dimensioni e adotta soluzioni hi-tech in ambito sia multimediale sia di sicurezza. Mediamente più leggera di 90 kg, può contare su motori turbo benzina e diesel con potenze da 150 a 286 cv.

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana