Google+

B è il mago Atlante che giganteggia circondato da piccoli nani

Il mago Atlante, racconta Ludovico Ariosto, difendeva il suo castello incantato dagli assalti dei cavalieri. A bordo dell’alato Ippogrifo, armato d’un libro e d’uno specchio, nessuno poteva resistergli. Talvolta si divertiva, coma fa il gatto con il topo, e lasciava ai suoi avversari l’illusione d’una possibile vittoria. Poi, quando s’era stancato, calava implacabile sulle sue vittime, annientandole.

B è il mago Atlante: giganteggia circondato com’è da piccoli nani.

Non deve far nulla; gli basta star fermo. A farlo grande ci pensano i suoi avversari. Il compagno B colpito nella dignità, tace per il bene del partito, non pettina bambole, ingoia rospi e aspetta, teme, spera, attacca, replica, parla, si agita. La compagna F rispone al compagno R e gli dà del miserabile. L’amico M, svegliato di soprassalto, s’accorge di non essere gradito, reagisce, s’indigna e poi torna a dormire. I tupamaros della ditta G e C si consultano, per ben due volte, reagendo con determinazione a un attacco informatico, e propongono, con il plauso del giornalista P., dieci candidati dieci, e tra loro un uomo che sconvolgerà, scuoterà, sveglierà il paese, inaugurando una nuova fase nella storia della Repubblica: Romano Pr.

Intanto B, l’immorale B, l’indagato B, l’impresentabile B, il bollito B svolazza sul suo Ippogrifo e si gode la sua ormai conclamata immortalità.

Scrive l’Ariosto che un bel giorno un cavaliere, per la precisione un’amazzone, giunse a sfidare il mago e lo vinse. Sulle prime finse di soccombere, ma poi ebbe facilmente la meglio su Atlante, perché portava al dito un magico anello che rendeva vani i trucchi e gli incantesimi del tremendo avversario, che alla fine si mostrò per quello che in realtà era: un vecchio infelice e decrepito.

L’amazzone si chiamava Bradamante.

Che fine ha fatto?

Qualcuno dice d’averla vista, legata e imbavagliata, in qualche stanza romana, ostaggio del popolo dei nani.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra scrive:

    Il nome Bradamante, nell’italiano cinquecentesco dell’Ariosto, significava, più o meno, “donna dall’amore indomito”. “Tradotto” il nome, il significato simbolico dell’episodio narrato nell’Orlando Furioso appare evidente. Ma chi, oggi, fra i/le nostri/e politicastri/e è capace di provare un “amore indomito” per questa povera Italia?

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Arexons lancia un’applicazione per rispondere a dubbi e curiosità sui prodotti più indicati per la cura e la manutenzione dell’auto.

La monovolume coreana, disponibile anche a sette posti, beneficia di un restyling di metà carriera che porta in dote inedite dotazioni multimediali e di sicurezza. Grazie a un nuovo pack tecnico si riducono i consumi del 1.7 td da 115 cv.

Debutta a Parigi l’edizione limitata a 50 esemplari della serie speciale ispirata al marchio nautico italiano. Alla dotazione full optional e alle finiture ricercate si accompagnano motori a benzina 1.2 aspirato da 69 cv o 0.9 TwinAir turbo da 85 o 105 cv.

Grazie alla partnership con l'azienda di Asolo, l'airbag per motociclisti entra nella collezione BMW Motorrad. Ci sono proposte di vari colori, per uomo e donna.

Gli atleti dello scatto fisso saranno a Milano, il 1 ottobre, per giocarsi la vittoria finale del Red Hook, il criterium più ardito del mondo.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana