Google+

Applausi a Oio e alla sua pajata alla cacciatora. Viva la cucina romana (anzi testaccina) in porzioni come si deve

ottobre 19, 2014 Tommaso Farina

ristorante-da-oio-a-casa-mia-roma-foto-tommaso-farina-1Carbonara, pajata, Totti e De Rossi. Più romani di così, si muore. È una bella idea, quella di andare a mangiare a Testaccio, quartiere tra i più popolari di Roma, un tempo terra di macellai oggi destinazione di movida giovanile. Al limite del quartiere, in via Galvani, pranzare o cenare Da Oio a Casa Mia è sempre una festa. È un prototipo dello spiritaccio e dell’allegria romana, quella che sorge attorno a una bella tavola con una buona cucina.

Nella piccola sala, coppe, coppette e soprattutto cimeli giallorossi: gagliardetti, manifesti, ricordini, foto della Maggica. Decisamente, qui sono romanisti. Ma vi daranno da mangiare anche se siete laziali o juventini: al timone c’è un’intera famiglia, che ha fatto del sorriso, della battuta e del professionismo il suo credo.

Cucina strettamente romana, anzi testaccina. In quest’ottica, non deve sorprendere un antipasto come il misto di lingua salmistrata, nervetti e fagioli: è la cucina del mattatoio, quella che oggi i gourmet riscoprono con giubilo, mentre una volta era pura sussistenza.

ristorante-da-oio-a-casa-mia-roma-foto-tommaso-farina-2Di primo, avrete ottimi rigatoni alla carbonara, con buon guanciale e uovo mantecato al punto giusto. L’alternativa è per i rigatoni all’amatriciana, alla pajata o al sugo di coda; per i tonnarelli cacio e pepe; per la pasta e patate; per gli gnocchi, solo al giovedì.

Proseguite con la coda alla vaccinara, il pollo alla cacciatora o la trippa alla romana, in porzioni non proprio piccole. Ma l’applauso scatta con la pajata alla cacciatora, l’intestino d’agnello (quello bovino è per ora bandito) brasato col vino bianco, l’aglio e il rosmarino: capolavoro assoluto. Tra i contorni, da sottoscrivere la buonissima cicoria ripassata con aglio e peperoncino. Chiusura con torta della nonna (ai pinoli), tiramisù o sbriciolata.

Vini? “Pochi ma boni”, dice la relativa carta: credeteci. Prezzi amichevoli: 35-40 euro a persona. Il servizio mette a disposizione grandi bavaglioni per non sporcarsi alle prese con la pasta. Peccato sia chiuso la domenica.

Per informazioni
Da Oio a Casa Mia
Via Galvani, 43 – Roma
Telefono 06.5782680
Chiuso la domenica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Brigida says:

    che bontà!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download