Google+

“L’App cinese per tutto” ti sta osservando

settembre 20, 2017 Leone Grotti

WeChat-logo

WeChat ti guarda costantemente ed è pronta a dire al governo cinese chi sei e tutto quello che fai. Non sono speculazioni o indiscrezioni: è tutto scritto nero su bianco nella nuova politica sulla privacy dell’applicazione di messaggistica instantanea (che poi è molto di più) sviluppata dalla società cinese Tencent. E, inutile sottolinearlo, l’adesione alle regole è obbligatoria.

Se WhatsApp ha 1,2 miliardi di utenti attivi al giorno, WeChat sfiora ormai il miliardo ed è diffusissima soprattutto in Cina. Con l’app di Tencent si può fare tutto: inviare messaggi, scritti o vocali, foto, tenere conferenze collegando più cellulari insieme, condividere articoli o musica, mettere “like”, pagare bollette, multe, biglietti dei trasporti, comprare vestiti o elettrodomestici, pagare il ristorante o il barbiere. Non a caso WeChat è conosciuta come “l’App cinese per tutto”.

Il problema è che WeChat scheda anche tutto: nome e cognome, numero di telefono, indirizzo email, informazioni sulla carta di credito, dati della carta d’identità, oltre all’ormai consueta geolocalizzazione. Non solo: l’app registra anche il timbro della voce e altre informazioni biometriche. Tutto ciò che viene condiviso nei messaggi, per iscritto o a voce, foto e video, è ugualmente registrato e schedato. WeChat prende poi nota dei nomi e dei contatti degli amici e registra anche quello che loro scrivono su di te.

Anche WhatsApp è invadente, ma non c’è paragone, visto che l’app di proprietà di Facebook ha introdotto ad esempio la crittografia end-to-end, che permette di far visualizzare i messaggi solo al mittente e al destinatario del messaggio stesso. Né i gestori, né ad esempio un giudice, possono farlo. WeChat del resto non è solo invadente, è anche spiona. La nuova politica sulla privacy aggiornata da poco prevede che tutte le informazioni di cui sopra possano essere passate alle polizia e al governo cinese per rispettare «leggi, regolamenti, sentenze» o «su richiesta di autorità governative, agenzie di forze dell’ordine o istituzioni simili (situate nella tua giurisdizione o altrove)». Il Grande fratello cinese, già sviluppatissimo grazie al suo “sistema di informazione sulla reputazione personale”, aggiunge così una nuova freccia al suo arco digitale per controllare tutto e tutti. E non c’è dubbio su come utilizzerà le informazioni raccolte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ennesimo capitolo della Saga Monster, l’821 2018 si adegua all’Euro4 ed eredita le peculiarità stilistiche della sorella maggiore 1200. Più snello e slanciato torna all’essenzialità originale del primo Monster

L'articolo Ducati Monster 821 2018, come eravamo proviene da RED Live.

Sono universali, adatti alla guida d’estate e al tempo stesso a norma di legge ed efficaci anche d’inverno. Ecco quali sono, quanto costano e che vantaggi promettono i migliori pneumatici all season.

L'articolo Pneumatici quattro stagioni, la guida all’acquisto proviene da RED Live.

Dal 15 novembre è obbligatorio adottare pneumatici specifici per la stagione fredda. Ecco tutto quello che c'è da sapere per viaggiare in sicurezza e scegliere tra modelli invernali, quattro stagioni o chiodati.

L'articolo Pneumatici invernali, dieci cose da sapere proviene da RED Live.

COSA: RED HOOK CRIT, a Milano l’ultimo atto DOVE E QUANDO: Milano, 14 ottobre  Dopo Brooklyn, Londra e Barcellona il campionato di bici a scatto fisso su strada approda a Milano, in via Lambruschini (zona Bovisa) per l’ultima, avvincente tappa. Red Hook Criterium propone una formula unica, mettendo su strada le biciclette a scatto fisso che […]

L'articolo RED Weekend 13-15 ottobre, idee per muoversi proviene da RED Live.

Da 0 a 400 a 0 km/h in meno di 42 secondi. Ecco il nuovo record fatto registrare dalla hypercar Bugatti Chiron. Un primato d’accelerazione e frenata realizzato con al volante l’ex pilota di Formula 1 Juan Pablo Montoya. Mai nessuna vettura di serie aveva avvicinato una simile prestazione, ottenuta grazie a una potenza massima […]

L'articolo Bugatti Chiron: start e stop da record proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download