Google+

“L’App cinese per tutto” ti sta osservando

settembre 20, 2017 Leone Grotti

WeChat-logo

WeChat ti guarda costantemente ed è pronta a dire al governo cinese chi sei e tutto quello che fai. Non sono speculazioni o indiscrezioni: è tutto scritto nero su bianco nella nuova politica sulla privacy dell’applicazione di messaggistica instantanea (che poi è molto di più) sviluppata dalla società cinese Tencent. E, inutile sottolinearlo, l’adesione alle regole è obbligatoria.

Se WhatsApp ha 1,2 miliardi di utenti attivi al giorno, WeChat sfiora ormai il miliardo ed è diffusissima soprattutto in Cina. Con l’app di Tencent si può fare tutto: inviare messaggi, scritti o vocali, foto, tenere conferenze collegando più cellulari insieme, condividere articoli o musica, mettere “like”, pagare bollette, multe, biglietti dei trasporti, comprare vestiti o elettrodomestici, pagare il ristorante o il barbiere. Non a caso WeChat è conosciuta come “l’App cinese per tutto”.

Il problema è che WeChat scheda anche tutto: nome e cognome, numero di telefono, indirizzo email, informazioni sulla carta di credito, dati della carta d’identità, oltre all’ormai consueta geolocalizzazione. Non solo: l’app registra anche il timbro della voce e altre informazioni biometriche. Tutto ciò che viene condiviso nei messaggi, per iscritto o a voce, foto e video, è ugualmente registrato e schedato. WeChat prende poi nota dei nomi e dei contatti degli amici e registra anche quello che loro scrivono su di te.

Anche WhatsApp è invadente, ma non c’è paragone, visto che l’app di proprietà di Facebook ha introdotto ad esempio la crittografia end-to-end, che permette di far visualizzare i messaggi solo al mittente e al destinatario del messaggio stesso. Né i gestori, né ad esempio un giudice, possono farlo. WeChat del resto non è solo invadente, è anche spiona. La nuova politica sulla privacy aggiornata da poco prevede che tutte le informazioni di cui sopra possano essere passate alle polizia e al governo cinese per rispettare «leggi, regolamenti, sentenze» o «su richiesta di autorità governative, agenzie di forze dell’ordine o istituzioni simili (situate nella tua giurisdizione o altrove)». Il Grande fratello cinese, già sviluppatissimo grazie al suo “sistema di informazione sulla reputazione personale”, aggiunge così una nuova freccia al suo arco digitale per controllare tutto e tutti. E non c’è dubbio su come utilizzerà le informazioni raccolte.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.