Google+

Anche a Vasco Rossi piace il governo Monti. A questo punto qualche dubbio è lecito

novembre 18, 2011 Redazione

ABBIAMO SBAGLIATO UOMO. Non siamo il governo dei poteri forti.
Mario Monti, titolo della prima pagina della Repubblica

E UN SACCO DI SVIOLINATE. La rivoluzione Monti rispetto all’era Berlusconi non è solo di stile, ma anche di contenuti. Niente soluzioni magiche, niente slogan, niente negazionismo.
Alberto D’Argenio, la Repubblica

FREEZER. Se Monti si taglia un dito il sangue non gli esce. Era così freddo anche da studente.
Giampiero Cantoni, senatore Pdl, la Repubblica

NON PARLO DA SOLO. Quando un cronista incontra Piero Giarda, l’approccio è da carta vetrata: «Lei è un giornalista, con i giornalisti non parlo». Il malcapitato replica: «Ma lei è il ministro dei Rapporti con il parlamento, dovrà confrontarsi prima o poi». Giarda lo fucila: «Per il confronto bisogna essere in due, arrivederci».
Francesco Bei, la Repubblica

NON PARLO CON GLI ZERBINI. «Le posso dare il mio cellulare?», chiede ingenuamente un giornalista. Il ministro alla Cooperazione (Andrea Riccardi, ndr) si allontana sorridendo: «Guardi, in questo momento non abbiamo problemi con la stampa».
Francesco Bei, la Repubblica

MA A PASQUA INDOVINA CHI RISORGE. Siamo passati dal Carnevale alla Quaresima.
Andrea Riccardi, ministro per la Cooperazione e integrazione, la Repubblica

FINE DI UN’ERA/1. La Santanchè dice di aver preso il “biochetasi” alla vista della sinistra «che si genuflette ai banchieri».
Francesco Bei, la Repubblica

FINE DI UN’ERA/2. La vera polaroid della giornata è l’abbraccio (con bacio) tra Anna Finocchiaro e Quagliariello. Il sipario cala sulla Seconda Repubblica.
Francesco Bei, la Repubblica

GOVERNO PENDANT. Il grigio-banca del governo Monti sembra un antidoto alla pacchianeria sgargiante che ci ha sommersi, incanagliti, instupiditi.
Michele Serra, la Repubblica

LA MANO DE DIOS. Monti è arrivato ed è stato accolto manco fosse Maradona. E mica arriva lui e risolve tutto.
Silvio Berlusconi, la Repubblica

SÌ STUPENDO. Anche Vasco Rossi è un fan di Super Mario. Sulla sua pagina Facebook un videoclip in cui dice: «Sono contento di essere sopravvissuto per assistere al suo insediamento».
La Repubblica

MAI STATO PRODIANO. Prodi parla anche dello spread, il differenziale tra i titoli del debito italiani e quelli tedeschi: «Nessuno ha mai pensato che fosse solo causa di atteggiamenti specifici del governo Berlusconi»
La Repubblica

MI È SEMBRATO DI VEDERE UN COMPAGNO. Avevamo aperto credito nei confronti del governo Monti apprezzandone il livello e la scelta di alcuni ministri. Le sue dichiarazioni programmatiche ci hanno invece delusi.
Nichi Vendola, la Repubblica

INFATTI. Silvio, mi manchi. (…) Soprattutto hai sparato una quantità inverosimile di panzane. Eppure eri la mia musa.
Massimo Gramellini, la Stampa

RICORDO MILLENARIO. Alla Luiss il ricordo di Bruno Visentini, con Napolitano, Scalfari e De Benedetti
Catenaccio della Repubblica

C’ERANO ANCORA GLI AUSTRIACI. Non c’è, dunque, sospensione della democrazia. Lo spiega Eugenio Scalfari che ancora trentenne conobbe Visentini ai tempi dei convegni degli amici del mondo.
Roberto Mania, la Repubblica

TI TASSO COSÌ TI SVILUPPI. Senza una grande riforma fiscale che sposti in modo consistente il prelievo fiscale dal lavoro e dalle imprese alla ricchezza statica, ai patrimoni, non si libereranno mai le energie necessarie a un vero rilancio dello sviluppo.
Carlo De Benedetti, la Repubblica

TIÈ. «Temo che nell’ultimo periodo le nomine in Rai siano state fatte da Marina Berlusconi». Lo ha dichiarato il direttore di RaiNews 24 Corradino Mineo. (…) Replica di Garimberti (presidente Rai, ndr): «Ha perso una buona occasione per tacere, evidentemente è amico di Marina Berlusconi visto che è rimasto al suo posto».
La Repubblica

SCIURE IN CRISI. Adesso i tempi non sono brillanti, ma le signore hanno mille vite e sanno adeguarsi a sassi e pois.
Lina Sotis, Corriere della Sera

LE BUTTO NEL CESTINO GRANDE. Terremo in grande considerazione le ragioni delle loro proteste.
Elsa Fornero, ministro del Welfare, sulle proteste degli studenti, la Repubblica

ANDATE A LAVORARE! Le parole d’ordine si rincorrono: «Fermeremo la metropolitana!». «Fermeremo il Ponte di Brooklyn!». «Chiudiamo la Borsa!».
Angelo Aquaro racconta la guerriglia di Occupy Wall Street, la Repubblica

VUOI METTERE CON LA VULVA? Che senso ha fare il fotomontaggio del bacio tra il Papa e l’imam, o tra Obama e il leader cinese? Non colgo il messaggio, è solo volgarità.
Oliviero Toscani critica la nuova pubblicità Benetton, la Repubblica

NON SCOREGGIA MA PETO. Io non ho mai toccato personalità così riconosciute. Il prete e la suora che si baciano, nella mia foto del 1991, erano simboli. Non offendevano nessuno, erano poetici.
Oliviero Toscani critica la nuova pubblicità Benetton, la Repubblica

BANZAI. I giovani di Tokyo ridono in strada, sono felici. I nostri invece sono tristi, depressi. Farei delle foto con giovani giapponesi ritratti mentre scherzano. Ecco la mia provocazione.
Oliviero Toscani critica la nuova pubblicità Benetton, la Repubblica

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana