Google+

Amici che soffrite di depressione, non abbiate paura: è attraverso il dolore che farete conoscere Cristo al mondo

agosto 31, 2014 Aldo Trento

aldo-trentoCaro padre Aldo, ti scrivo perché so che sei “specializzato nella sofferenza”. Non mi basta una consolazione, io dalla vita voglio tutto. Arrabbiarmi con Dio mi fa solo male e mi fa sentire senza via d’uscita. Ieri ho avuto la crisi di nervi più grande che mi sia mai successa, tanto da essere portata in ospedale. Sei l’unico che può capirmi.
Angelica

Caro padre, da alcuni mesi soffro di depressione e crisi di panico. Ho pensieri ossessivi che mi hanno fatto mettere in dubbio la mia sessualità. Credo di essere omosessuale. In questi anni ho conosciuto più persone con questi problemi. Padre Aldo, come si fa a convivere con questi pensieri? A volersi bene, ad amarsi anche con questi tormenti?
Giuditta

Caro padre Aldo sono un medico, direttore del reparto dove lavoro. Non mi è mancato nulla dalla vita: bella famiglia, carriera, salute. D’improvviso una depressione mi ha messo ko. Niente mi piace. Come faccio a gestire meglio la vita in tutte le circostante quotidiane?
Giuseppe

Vi ringrazio perché mi permettere con le vostre provocazioni piene di sofferenze di entrare ogni volta di più nell’esperienza del dolore. In questi mesi di silenzio mi sono arrivate molte lettere come queste. Ogni mail era ed è un grido di dolore. Ed è questo grido di dolore che giunge alle mie orecchie che mi fa capire la necessità di darci una mano, perché questo grido non cada nel vuoto.

Il buon Dio mi ha dato la grazia di avere due ospedali: uno che raccoglie le persone delle “periferie sociali” e l’altro delle “periferie esistenziali”. L’uno non è meno doloroso dell’altro perché il dolore è sempre dolore. Mi commuove quanto dice l’amica che mi definisce “specializzato nella sofferenza”. Sembra una battuta, però se non si fa esperienza del dolore difficilmente si fa esperienza di Dio. Come potrei dare una risposta se questo dolore non lo vivo io per primo con la coscienza che è un modo per camminare verso Gesù?

santa-maddalena-canossaAffermava santa Maddalena di Canossa: «Figlie mie, non siamo chiamati a fare gesti di carità, ma a immedesimarci con chi soffre». Le opere o nascono dall’amore e dolore per Cristo al fin di mostrare al mondo l’onnipotente misericordia del Signore o non servono a nulla, perché chi soffre ha bisogno di Cristo. Se la mia vita non fosse sempre più una sola cosa con Cristo, che senso avrebbero tutte le opere?

Amici che soffrite di depressione o altre malattie psichiche, non abbiate paura: per battesimo siete proprietà di Cristo e, nello stesso tempo, siete la testimonianza viva che senza passare attraverso il dolore non potremo far conoscere Cristo al mondo.

Mentre scrivo è arrivato Fernando. Ha 14 anni, è malato di cancro, gli hanno già amputato una gamba. In lui vedo l’esperienza dell’amore a Cristo che diventa accoglienza del dolore. Gli ho chiesto come stava, mi harisposto: «Bene, offro la sofferenza a Gesù affinché tutti gli uomini del mondo abbiano fede».

Vi chiedo di non dimenticare mai che vivendo l’esperienza del Getsemani stiamo camminando con Gesù verso il calvario. È un cammino duro, e molte volte, quando il dolore è grande, è difficile seguirlo fino sulla croce. Sono i momenti più duri quelli che precedono la morte. Ma non dobbiamo avere paura: Gesù non ci abbandona. Cercate uno o due amici che vi accompagnino nel cammino.

Durante questi due anni il demonio ha cercato di distruggere questo piccolo quartiere della sofferenza, ma Dio non lo ha permesso perché chiunque soffra possa sperimentare in questo abbraccio la sua misericordia. Ho avuto momenti da capogiro ma la Madonna mi ha tenuto in piedi e mi ha donato una pace mai sperimentata. In tutto questo dramma non solo non ho perso il sonno ma addirittura dormo così bene che a volte non mi alzo prima delle 9! Finalmente la pace e la libertà che da 25 anni desideravo.

paldo.trento@gmail.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana