Google+

Allora anche gli italiani hanno il senso dello Stato. Quando lo Stato ha il senso degli italiani

settembre 14, 2016 Pippo Corigliano

Pubblichiamo l’articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Si dice spesso che gli italiani non hanno il senso dello Stato. Si capisce il perché dando un ripasso alla storia, quella vera, non ideologica. Il nostro è uno Stato costruito in maniera artificiosa contro il comune sentire della gente, seguendo dottrine liberali importate dall’estero e ignorando la cultura e la fede delle popolazioni.

Il livello culturale del Piemonte dell’Ottocento era inferiore a quello degli altri stati italiani. La prima preoccupazione del nuovo parlamento piemontese, fin dalla prima guerra d’indipendenza, è stata la soppressione dei gesuiti. Da allora è stato un continuo ostacolare il sentimento religioso della popolazione. Il fascismo ha cambiato rotta ma proponendo una mistica civile in alternativa a quella cristiana.

Il secondo dopoguerra ha visto una vera ripresa del paese ad opera soprattutto di cattolici che le potenze vincitrici hanno sostenuto fino a che l’Italia non è diventata la quarta potenza industriale mondiale attorno al ’62. Da allora è cominciata, ispirata dall’estero, una campagna denigratoria verso i credenti, che ancora perdura, anzi va crescendo.

Il paese reale è vitale. Il disastro del recente terremoto ha visto mobilitarsi forze vive e sane, dai vigili del fuoco ai volontari e alla generosità dei cittadini. Il paese si riconosce nella bandiera italiana cucita sui giubbotti dei soccorritori. Il senso dello Stato si rivela quasi inesistente quando i cittadini si trovano davanti a un’amministrazione pubblica inaffidabile in cui non si riconoscono.

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

La piccola di Russelsheim debutta al Salone di Parigi in una nuova versione che strizza l'occhio al mondo dei Suv. Ha un assetto rialzato di 18 mm e un look fuoristradistico

Le auto dettano tendenze di stile nella società ma chi le disegna si è trovato spesso in difficoltà quando è stato chiamato a vestire una moto. Anche Pininfarina e Giugiaro hanno fatto fiasco

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana