Google+

«Mi avete abbracciata e così sono riuscita a perdonare il mio carnefice: mio padre»

dicembre 16, 2014 Aldo Trento

aldo-trento-messaLe due testimonianze che seguono ci provocano sulla nostra relazione personale con Cristo. Come può una adolescente perdonare il proprio carnefice? Umanamente è impossibile e per il mondo non è neanche giusto. Eppure la parola “perdono” è tornata a essere il cuore di questa ragazzina, che mi ricorda molto santa Maria Goretti. Il miracolo del perdono è sempre un dono della misericordia di Dio e di un lungo cammino educativo nel quale uno vive una vera esperienza d’amore. Un amore che sgorga da quell’Uomo in croce. Il perdono è solo cristiano, esclusivamente cristiano.
Come lo è anche il sorriso di Angelina che vive la sua malattia non come una maledizione ma come la strada che il Mistero le ha assegnato nella vita per indicarle la meta, il destino finale a cui tutti tendiamo, volenti o nolenti. Quel destino che non è un’ipotesi ma un fatto, un Uomo il cui compleanno celebreremo tra alcuni giorni. Riconoscere quest’Uomo come la risposta alla nostra sete di perdono e di significato è solo frutto della grazia e della nostra libertà.
paldo.trento@gmail.com

Caro padre Aldo, dopo sei anni che vivo nella casa di Betlemme 1, voglio finalmente raccontarti la mia vita. Tante volte avrei voluto farlo ma avevo paura di ciò che poi avresti pensato di me. Finalmente la Madonna mi ha dato la forza di raccontarti tutto. Questa mattina sono andata a visitare mio padre che vive in una stamberga in un quartiere dove regna la miseria, la droga e la prostituzione. Appena entrata sono rimasta sconvolta: sporcizia dappertutto. Lui, cieco, magrissimo e ammalato, era accovacciato in un pagliericcio. Un incontro che mi ha fatto male ma nello stesso tempo ha svegliato in me un gran desiderio di abbracciarlo e perdonarlo per tutta la violenza che ha usato con me. Mia madre era una ragazza di 14 anni quando mio padre ha abusato di lei e da quella violenza sono nata io. Quando ho compiuto otto anni sono diventata io la sua vittima e da quel momento l’ho odiato. Poi, grazie all’intervento degli assistenti sociali, sono stata affidata alla tua opera. Per sei anni non sono riuscita a guardare in volto nessun uomo. Ti ricordi come scappavo anche da te? Alla mia durezza, al mio odio, tu e la mamma sostitutiva avete risposto con l’amore. È stato un cammino attraverso il quale il mio cuore ha cominciato ad aprirsi. Oggi mi sento sicura, ho perdonato mio padre. Mi avete abbracciata e adesso sono io che voglio abbracciare lui. Credo che Dio abbia permesso tutto ciò perché io imparassi a perdonare. Ma ci sono voluti sei anni di faticosa strada per arrivare a questo momento. Padre Aldo, voglio che tu venga con me a visitare mio papà perché anche tu ti possa rendere conto della miseria in cui vive.
Norma

Caro padre Aldo, sono Angelina, una ragazza di 22 anni. I miei genitori sono morti di Aids e mi hanno lasciato un’unica eredità: la stessa malattia. Essendo poveri, chi si è preso cura di me dopo la morte dei miei genitori, si è reso conto tardi che io portavo questo virus che mi stava consumando piano piano. Quando mi portarono al centro specializzato nella cura di questa malattia, mi ricoverarono alcuni giorni e poi mi inviarono qui, nel suo ospedale. Come vede, sono pelle e ossa. Qui con me sta la mia nonnina. Le persone buone che mi visitano ogni giorno, rimangono sempre sorprese per la mia serenità. Mi domandano da dove viene la mia allegria che si manifesta nel sorriso delle mie labbra. La mia risposta è semplice: «Viene dalla mia relazione con Gesù». Molti mi chiedono come faccio a vivere questa malattia datami in eredità da mia mamma. E io rispondo: «È stato necessario un lungo cammino di fede e di pazienza, sostenuta dall’affetto di tanti amici. La pazienza è stata ed è la cosa più difficile che sto imparando. Sto imparando ad accettare una malattia di cui non ho nessuna responsabilità. Come tutti i miei compagni di dolore che soffrono con me in questa clinica, offro la mia vita per la santificazione dei sacerdoti».
Angelina

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana