Google+

Ai puristi, bidelli del nulla, io dico: lunga vita a Masterchef

marzo 6, 2013 Tommaso Farina

A differenza di tanti ottimi colleghi, noi non guardiamo con fiero cipiglio Masterchef, il popolare programma (com’è che si chiama? Talent show?) che ha furoreggiato anche quest’anno su Sky e che a breve sarà trasmesso su Cielo. Pare che la cucina, per finire in televisione e per essere digesta a molti osservatori, debba essere circonfusa di un’aura sacrale, para-culturale e seriosa. Questi osservatori sono magari gli stessi che inarcano il sopracciglio, che puntano un ditino tremolante e inamidano la vocina indignata quando, per esempio, un produttore di vino sceglie una procace modella per la sua campagna marketing. A tutti questi custodi, questi sacerdoti, queste autonominate vestali della vera purezza del vino e della gastronomia, una cosa come Masterchef non può piacere. Incrina troppo la loro seriosità di compunti bidelli del nulla, eterni nostalgici di Ave Ninchi e di qualunque cosa televisivamente abbia visto la luce prima del 1980 (a esser buoni).

Intendiamoci, Masterchef non è la perfezione. Ma quest’anno ha fornito innumerevoli momenti di soddisfazione sia al “televisionista” che all’appassionato culinario. Dove si trova, al giorno d’oggi, un personaggio come Joe Bastianich, divertentissimo Savonarola del gusto, con l’accento broccolino da Stanlio e Ollio e i piatti schifiltosamente appoggiati a lato, a specchio della disistima verso chi ha osato cucinargli un abominio? Da nessuna parte. Nessuna figura televisiva, nemmeno il circo di giudici del celebre Amici di Maria De Filippi, sa imporsi in questo modo, attualmente. A Bastianich si contrappone l’agreste semplicità di un Bruno Barbieri viceversa molto più pronto a spiegare che a condannare senz’appello, malgrado abbia contribuito alla diffusione del gergale neologismo “mappazzone”, anche nei contesti più insospettabili. In mezzo, l’algido e simpatico Carlo Cracco, chef di immenso talento e di sicuro genio, fa un po’ da contrappeso.
Manca certamente l’estremista dell’arrabbiatura, il bruciafornelli isterico, il Gordon Ramsay della situazione. Ma non fa nulla, a noi va bene così. E ci piace pure vedere gli aspiranti vincitori alle prese con ingredienti inusuali (su certe tavole) come le interiora. Nessuno di loro, o quasi, sapeva che farci. E i tre mega-giudici, facendo vedere agli spettatori gli sbagli dei candidati, davano di fatto consigli e lezioni, suggerimenti spendibili in cucina anche a casa propria.

E poi il teatro, l’ “antipatica” Tiziana vincitrice, la naif e toscanissima Daiana, il simpatico Ivan… Chi ha detto che lo spettacolo non deve esistere? Ai soloni che aborrono Masterchef, in fondo l’intrattenimento non piace. Anzi, probabilmente non piace la televisione. Sono un po’ tutti come il compianto Beniamino Placido, che, come sintetizzò mirabilmente Vittorio Sgarbi, amava guardare la televisione spenta. Solo che Placido sapeva scrivere e aveva ben diversa classe. Anche solo come antidoto a questi personaggioni, lunga vita a Masterchef.

tommasofarina.com

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. mary scrive:

    A me masterchef non dispiace…anche le iniziative su fb in cui si può chattare con gli chef non sono male :)

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’ufficio a portata di mano anche in vacanza e nei weekend in un ambiente confortevole e “viaggiante”? Lo rende possibile Renault con una nuova generazione di Trafic SpaceClass rivolta sì ai privati ma prentemente alla clientela del mondo business, come aziende di noleggio con conducente, strutture alberghiere e sportive, agenzie turistiche. Insomma, realtà che desiderano fornire […]

L'articolo Renault Trafic SpaceClass, l’ufficio è mobile proviene da RED Live.

Se siete appassionati di motori e curiosare tra le anteprime – ne sono state annunciate ben 150 – è sicura fonte di piacere, il momento è (quasi) arrivato. Cominciate a segnare in agenda una data compresa tra il 9 e il 12 novembre (il 7 e l’8 sono giornate dedicate a operatori e stampa) e […]

L'articolo EICMA 2017, cosa c’è da vedere proviene da RED Live.

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download