Google+

Adolfo Wildt, scultore di anime e di forme

marzo 12, 2012 Mariapia Bruno

Fanno quasi paura i volti modellati sul marmo di Adolfo Wildt. Riecheggiano le maschere teatrali, la risata smoderata, il terrore agghiacciante, la tristezza elegante: sono la più intima espressione dell’anima umana. Ma cosa ci stanno a fare le sue opere insieme alle quelle di artisti come Cosmè Tura, Antonello da Messina, Durer, Michelangelo, Previati, Casorati, lontani nei modi, nei tempi e nei luoghi? Ai Musei San Domenico di Forlì si celebra un connubio, quello tra lo scultore milanese da tempo quasi dimenticato e le opere di grandi maestri a cui lui stesso si era ispirato per giungere a quelle suggestivissime sculture decisamente anticonformiste.


Ecco allora la Maschera dell’idiota, il Carattere fiero – Anima gentile, accostarsi alla Madonna della pera di Durer e alla Preghiera di Casorati. Incontrollabile l’istinto nel cercare quel particolare che possa legare composizioni così diverse. A volte lo si rintraccia in un profilo, altre in uno sguardo. Wildt – L’anima e le forme tra Michelangelo e Klimt è un percorso che travolge tra passato e presente, visitabile fino al 17 giugno 2012.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

1 Commenti

  1. Leif Campagnone scrive:

    I just want to mention I am beginner to blogging and site-building and actually enjoyed your web blog. Probably I’m going to bookmark your blog . You actually have awesome well written articles. Thank you for revealing your web-site.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana