Google+

Ad Ascona va in scena l’arte di terapeutica ribellione delle Avanguardie

febbraio 21, 2012 Mariapia Bruno

I loro quadri investiti da colori vivaci gettati sulla tela con pennellate nervose e frettolose hanno quella forza inarrestabile che solo i pittori delle Avanguardie sanno dare. Si tratta delle opere di Marianne Werefkin, Alexej Jawlensky, Hans Arp, George Grosz, Lovis Corinth, Lyonel Feininger, Erich Heckel, Max Pechstein, Karl Schmidt-Rottluff e tanti altri protagonisti del primo trentennio del Novecento che dal prossimo 11 marzo inonderanno le sale del Museo Comunale d’Arte Moderna di Ascona (Ch) in occasione della mostra “Il mar Baltico delle Avanguardie (1890-1930)”, aperta sino al 17 giugno 2012. 

Sono dunque i maestri dell’espressionismo, del dadaismo e dell’arte degenerata – artisti che all’inizio del secolo trovarono come luogo geografico di riferimento i territori del Meclemburgo e della Pomerania localizzati tra il mar Baltico, lo Schleswig-Holstein, la Bassa Sassonia, il Brandeburgo e la Polonia – a tenere le redini della rassegna con le loro composizioni liriche assetate di drammaticità, inzuppate di energie primordiali che sembrano voler sfidare le turbolenze della natura. Opere – soprattutto quelle eseguite da Käthe Loewenthal e Paul Kuhfuss – che risentono di un doloroso passato e che manifestano il desiderio e la necessità di superare a colpi di spugna quell’angoscia indelebile come un marchio del dramma della grande guerra appena finita. E in questo mare di ribellione che ingoia i valori rassicuranti dell’ormai tramontato Ottocento è stata forse solo l’arte l’unica fonte di salvezza.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

La Casa svedese torna a proporre una wagon di grandi dimensioni (4,96 metri). Al design ricercato e ai sistemi di sicurezza d’ultima generazione si affiancano moderni quadricilindrici sovralimentati a benzina e gasolio. La guida è un’esperienza sensoriale fatta di lusso e sostanza.

L'Honda X-ADV potrebbe diventare capostipite di un nuovo genere: quello degli scooter medi con vocazione da giramondo. Nelle piccole cilindrate, però, il matrimonio tra scudo e tassello funziona già da molto tempo, come insegna il Booster

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana