Google+

L’abruzzese di Milano resiste e un motivo c’è (da urlo)

marzo 22, 2017 Tommaso Farina

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Tante, troppe nuove aperture di ristoranti, a Milano, finiscono per durare lo spazio d’un mattino. Il Capestrano, che è qui da pochi anni, invece c’è ancora. Ed è sempre più buono. E questo nonostante sia in un quartiere bruttino e lontano dal centro, a pochi passi da via Ripamonti. Roberto Babbo, non c’è dubbio, ha fatto centro: aprire a Milano un locale che proponesse la cucina della sua terra, però in un contesto di eleganza e raffinatezza, oltre che di cultura gustativa, per così dire. E la terra di Roberto è l’Abruzzo, col suo zafferano, l’agnello, i formaggi e tutto il resto.

L’ambiente è adatto per una cena con una persona speciale: ammalia per la morbida, calda delicatezza, che contrasta col contesto postindustriale della strada su cui si affaccia. E pure il servizio, svolto da una competentissima ragazza abruzzese, sa metterci a nostro agio.

In lista, l’Abruzzo della tavola, esposto in lingua abruzzese con la traduzione in italiano. Il misto di salumi comprende anche la tenace, sentimentale salsiccia di fegato; potreste avere anche la bruschetta con la ventricina, o le “pallotte cacio e ovo” (polpette di formaggio e uovo).

Ma sentite l’esplosione degli spaghetti alla chitarra con ragù di castrato e pecorino di Castel del Monte (vi lasciamo la sorpresa di scoprirne il nome abruzzese): una santabarbara dirompente. E ciò in dialettica con la cremosa gentilezza dei paccheri con zucca gialla e zafferano dell’altopiano di Navelli; o con la guizzante vividezza dei “Cazzellitt’ de’ Scanno” (gnocchetti di grano duro) con i broccoli e le alici.

Andando avanti, è dura sfuggire ai proverbiali arrosticini, normali o di fegato; alle costine di pecora laccate di miele; all’agnello arrosto. Ma la palma della miglior pietanza spetta alla pecora “aj’e cotture”, ossia in stracotto bianco: davvero strepitosa. Chiudete con la pizza dolce, che a molti ricorda una controparte abruzzese della zuppa inglese. Il pane fatto in casa è da urlo. La cantina pure è curata, molto attenta ai vini di madrepatria.

Circa 50 euro.

Per informazioni
Il Capestrano – www.ilcapestrano.it
Via Gian Francesco Pizzi, 14 – Milano
Tel. 02.5693345
Chiuso il mercoledì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Cos’è Le Northwave Extreme RR sono il modello di punta della gamma dedicata al ciclismo su strada. Utilizzo Ciclismo amatoriale al massimo livello, gare amatoriali e professionistiche. Com’è fatto Il nome dice molto della destinazione di queste scarpe: come se non bastasse “Extreme”, in Northwave hanno pensato di aggiungere RR, declinando la sigla con un […]

L'articolo Northwave Extreme RR (Road Race) proviene da RED Live.

Dopo aver provato l’hoverboard DOC 6.5, sicuramente il più particolare fra i gingilli elettronici proposti da Nilox, abbiamo deciso di fare un passo indietro (nel senso di ardimento) e posare i piedi con un equilibrio più immediato su altri due prodotti legati alla mobilità elettrica: il monopattino DOC PRO e lo skateboard DOC Skate. DOC PRO […]

L'articolo Prova Nilox DOC Pro e Skate+ proviene da RED Live.

Una giornata molto particolare ci ha permesso di apprezzare il passato e il presente delle cabriolet marchiate DS. E abbiamo scoperto anche qualche analogia…

L'articolo DS: tra ieri e oggi proviene da RED Live.

“Come on, baby, light my fire, try to set the night on fire…” la musica è a tutto volume. L’accendo come un preriscaldamento che inizia a darmi la carica giusta. Questa canzone poi è un must; riesce a entrarmi nelle vene e accompagnare l’adrenalina verso l’alto. Direi che ne ho bisogno, visto che con la […]

L'articolo Prova Garmin Varia UT800, torcia e coraggio proviene da RED Live.

Essere la wagon più venduta in Europa dal 2014 è un primato di cui in Skoda vanno giustamente fieri. Eliminando stereotipi e status e con un pubblico che capisce il vero valore di quello che guida conquistare il successo per il marchio ceco non è stato difficile. Perché la sostanza c’è, ed è una sostanza […]

L'articolo Prova Skoda Octavia Wagon 2017 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana