Google+

A Torino l’arte incontra la disabilità grazie al duo Pasolini-Zigaina

febbraio 25, 2013 Mariapia Bruno

Giuseppe Zigaina e Pier Paolo Pasolini erano due amici fidati e sinceri, “ontologici l’uno per l’altro”, come diceva il secondo, e anche sodali nel concepire l’arte e la vita stessa. Disabile il primo a causa di una grave menomazione all’arto destro, è il principale interprete – oltre che scrittore e disegnatore – di molti aspetti inediti della vita e dell’opera del grande regista con cui collabora anche alla produzione del Decameron. Protagonisti entrambi del progetto culturale Zigaina e Pasolini – Quando l’arte non può diventare moda verranno ricordati, dal prossimo 8 marzo fino al 1 maggio 2013, presso il Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino attraverso 50 opere tra cui 20 disegni di Pasolini.

Si tratta di una rassegna che unisce pittura, letteratura, cinema, teatro e disabilità organizzata dall’associazione AIPS, Associazione Italiana Paralisi Spastica, che segnaanche l’esordio dello spettacolo Ruppeppè, liberamente ispirato alle opere e alla vita di Pasolini e Zigaina, che il drammaturgo torinese Dino Mascia, insieme alla sua Compagnia, metterà in scena in concomitanza con l’esposizione pittorica.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana