Google+

A Milano gli artisti contemporanei scelgono la manualità

novembre 6, 2012 Mariapia Bruno

L’essere umano costruisce, studia i materiali, tasta la materia, plasma e crea mostrando la sua predominanza che lo rende uomo. In un mondo dove la manualità è stata quasi ormai totalmente abbandonata dalla meccanicità di quelli che non sono più semplici attrezzi del mestiere gli artisti si guardano indietro, scegliendo di tornare all’operosità della mano di tanto tempo fa. Succede al Castello Sforzesco di Milano che, dal prossimo 8 novembre al 6 gennaio 2013, ospita la mostra Homo Faber. Il ritorno del fare nell’arte contemporanea, che mette a confronto i lavori di trenta artisti contemporanei – tra cui Alighiero Boetti, Sissi, Mario Ceroli e Nathalie Djurber – con quelle realizzate a partire dal Medioevo custodite nelle sale della Rocchetta della sede ospitante.

Ecco che l’artista contemporaneo si riscopre fabbro e in maniera consapevole mette in mostra le sue creazioni – disegni, pitture, sculture e installazioni – che comunicano, dialogano e contrastano con quelle degli antichi. Sono opere, come scrive il curatore Mimmo Di Marzio «appartenenti a linguaggi estremamente diversi, da cui emergono il primato della tecnica e della manualità». E in questo insolito percorso espositivo, l’opera viene considerata di per sé, «nella sua essenzialità, svincolata da ogni contrapposizione dettata dall’appartenenza all’arte figurativa o concettuale».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana