Google+

A Brera il ritratto che Girolamo Mazzola fece al futuro papa Pio V

ottobre 17, 2012 Mariapia Bruno

È un’opera di una straordinaria emotività il Ritratto di frate in veste di san Tommaso d’Aquino di Girolamo Mazzola, che rappresenta un domenicano che sosta dalla sua lettura contemplando il Crocefisso che regge nella mano sinistra, con partecipazione tale da arrivare alle lacrime. La sua espressione umile e ascetica, enfatizzata da quegli occhi scavati, dal volto scarnito, emana un profumo di santità a cui già l’aureola fa allusione. Le pennellate materiche si sostituiscono di volta in volta a tocchi trasparenti, come le tonalità fredde si alterano ai bruni caldi della natura morta sullo scrittoio, descritta con attenzione fiamminga in ogni dettaglio. Ma quello che va tenuto sopratutto a mente è il nome dell’artista, dotato di grande virtuosismo, la cui fama è stata oscurata da quella di un altro Mazzola, Francesco, formatosi nella stessa bottega, ma che dopo le nozze con Caterina Elena assumerà il cognome di Parmigianino.

L’opera di Girolamo – tornata all’antico splendore grazie a un recente restauro – rivisita, infatti, in modo molto personale la sofisticata e raffinata eleganza dei ritratti parmigianineschi. La fisionomia del soggetto è così particolare tanto da poter avanzare l’ipotesi si tratti del domenicano Antonio Michele Ghislieri, che nel 1566 divenne papa col nome di Pio V, di cui possiamo ammirarne le fattezze fino al 13 dicembre 2012 alla Pinacoteca di Brera, in occasione del ventisettesimo appuntamento con Brera mai vista.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana