Google+

Effetto 80 euro? Annullato dall’aumento delle tasse

novembre 18, 2014 Redazione

80EUROrenziL’effetto degli 80 euro? Annullato dalla pressione fiscale. È la conclusione di un rapporto della Cisl secondo cui la tassazione, che pure si sta spostando dal reddito ai consumi, rimane comunque costante, andando così ad annullare i benefici del bonus voluto dal presidente del Consiglio Matteo Renzi. Secondo il sindacato «la pressione sulle famiglie è aumentata dal 30,8 per cento nel 2010 al 31,1 nel 2014».

IMU E TASI. Secondo gli esperti della Cisl, che hanno elaborato dati Caf  a partire dalle dichiarazioni dei redditi 2013 di dipendenti e pensionati, «crescono le addizionali (regionali e comunali, queste ultime soprattutto tra 2012 e 2013, in corrispondenza dell’abolizione dell’Imu sulla prima casa) ed è reintrodotta la tassazione sulle prime case (dall’Imu 2012 alla Tasi 2014) la quale, in alcuni casi, significa aumento rispetto al passato».

UN PICCOLO BENEFICIO. All’aumento delle imposte locali «non corrisponde una pari riduzione di quelle erariali»: la pressione delle principali imposte statali sulle famiglie «è del 29,7 per cento nel 2010 come nel 2014». L’incidenza dell’Irpef passa dal 20,35 per cento al 19,3, quella di Iva e accise dal 9 al 10,1. Secondo il sindacato, gli 80 euro hanno determinato «una redistribuzione a favore delle famiglie dei lavoratori dipendenti a scapito di pensionati, lavoratori autonomi e, in generale, dei contribuenti a bassissimo reddito. Hanno beneficiato in qualche modo di questa misura ben 8,6 milioni di famiglie italiane, un terzo del totale, per un importo medio di 683 euro». «Solo le famiglie dei lavoratori dipendenti – dice il rapporto – conservano, in media, un piccolo beneficio».

EROSIONE DEI RISPARMI. Per coprire le spese, fra il 2010 e il 2014, le famiglie hanno eroso i risparmi. E «tra il 2006 e il 2012, la ricchezza media netta in termini reali delle famiglie è diminuita del 9 per cento, il risparmio annuale del 38». Gli 80 euro, insomma, sono serviti a poco. La politica fiscale, conclude lo studio, è da cambiare, a partire dal rapporto fra fisco locale e nazionale: i decreti attuativi prevedevano che all’aumentare del primo il secondo dovessero diminuire, così non è stato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un'aerodinamica di nuova generazione caratterizza il telaio della nuova top di gamma del marchio veneto. Tecnologia Balanced Design, manubrio integrato e freni direct mount per un prezzo che parte da 4.600 euro

Alla versione orientata all’off road dell’ammiraglia Jeep si accompagna il debutto, per Renegade, del cambio a doppia frizione DCT in abbinamento al 1.6 Mjet da 120 cv. Svelati inediti pacchetti di personalizzazione Mopar e nuove serie limitate.

Debutta a Parigi la nuova gamma elettrica della city car tedesca. Il motore a zero emissioni eroga 82 cv ed è disponibile sia per la biposto fortwo coupé/cabrio sia per la cinque porte forfour. Autonomia di 160 km e ricarica più rapida che in passato.

La berlina sportiva del Tridente può ora contare su dotazioni multimediali e di sicurezza allineate alle rivali tedesche. Il V6 3.0 biturbo della versione d’ingresso a benzina eroga 350 cv anziché i precedenti 330 cv. Debuttano i pacchetti Luxury e Sport.

Il contest musicale King Of The Flow accompagna al debutto la crossover compatta giapponese. Tra chi voterà uno degli artisti protagonisti c'è in palio proprio una Toyota C-HR

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana