Google+

5 stelle a Palazzo Chigi? Non succede, ma se succede… Preparativi

aprile 20, 2017 Alessandro Giuli

Pubblichiamo la rubrica delle “lettere al direttore” contenuta in Tempi n. 15 (vai alla pagina degli abbonamenti). Per scrivere ad Alessandro Giuli: direttore.giuli@tempi.it.

È vero, occorrerebbe riscoprire il comune senso del civismo italiano come lei ha scritto nell’editoriale di Tempi n. 13, e più in generale la tradizione, i nostri princìpi, quelli cristiani in particolare. Impresa non facile quando siamo noi stessi a non crederci più di tanto, e questo «i nuovi nati dai nuovi venuti» lo vedono e lo sanno molto bene. Il nocciolo della questione è qui e non riguarda solo l’Italia bensì tutta l’Europa com’è noto. Sì, ci vorrebbe un’Europa delle patrie che non vuol dire rinchiudersi in se stessi ma neanche essere tout court globalisti, senza frontiere a senso unico. Anche una politica dell’immigrazione non può non avere regole chiare, compatibili con le proprie possibilità e dovrebbe accogliere chi è più disponibile a integrarsi e ad accettare i nostri valori, anche se bistrattati. 
Pasquale Ciaccio via internet

Giro l’invito al mio caro Cav.

***

roma 5 stkkkelleSto seguendo i sondaggi settimanali di un’agenzia collegata con La7 riguardanti l’orientamento poltico degli italiani. Mi sorprende e mi preoccupa l’andamento ascendente, settimana dopo settimana, del Movimento 5 Stelle, diventato ora il primo partito nazionale, nonostante le cantonate che registra in città in cui governa. A Roma per il rapido avvicendarsi di assessori che non ha prodotto alcuna miglioria nella raccolta dei rifiuti e nella chiusura delle tante buche nelle strade; a Torino, col taglio ideologico dei finanziamenti alle scuole paritarie; a Genova, con l’esclusione immotivata della candidatura a sindaco della persona proposta dalla “base”. Ma il fatto più clamoroso è la proposta di introduzione della cosiddetta “democrazia diretta”, ossia del voto col clic elettronico, che ci esporrebbe al più totalitario dei regimi. Modello già in atto all’interno del M5S attraverso la Casaleggio & C, società proprietaria del database a cui affluiscono i voti di ciascun militante, di cui perciò si può ricostruire l’andamento nel tempo. Addio voto segreto. Questo rischio va divulgato ai troppi disinformati che appoggiano il “grillismo”.
Bruno Mardegan Milano

Concordo, gentile signor Mardegan. E aggiungo qualcosina. Uno degli aspetti più interessanti del Movimento 5 Stelle è che mantiene un consenso generalista abbastanza stabile nonostante la specchiata prova d’inadeguatezza al governo offerta coram populo dai suoi sindaci. Il caso Roma vale come paradigma di scuola, ma se ne potrebbero citare altri, da ultimo il pasticciaccio genovese. Stando poi ai sondaggi (ormai sono poco più che cabala for dummies, d’accordo, ma ancora non c’è alternativa per farsi un’idea di prospettiva), il M5S rischia perfino di rimanere escluso dai pricipali ballottaggi delle elezioni comunali in arrivo. Un segnale di sgretolamento? Nient’affatto, ci dicono. E allora? Allora dobbiamo ammettere che le ragioni per le quali i grillini hanno raccolto e conservano i loro consensi non sono venute meno. Il che dovrebbe indurre i competitori di centrodestra e di centrosinistra a sfoderare il meglio delle rispettive culture riformiste. Ma sopra tutto dovrebbe suggerire ai custodi della ragion di Stato l’elaborazione d’un piano di medio-lungo periodo: nell’eventualità di un governo a 5 stelle (non succede, ma se succede…), quel poco che resta della classe dirigente istituzionale e non soltanto politica dovrebbe attivarsi per reggere l’urto, ma più ancora per predisporsi a raccogliere gli effetti di una tonitruante e molto prevedibile implosione dei grillini chiamati alla prova di Palazzo Chigi. Ne riparleremo a breve.

***

Bentornata Marina, un abbraccio forte.
Donata Seregni via internet

E non ci lasceremo maiiii…

***

Ho letto su Doppiozero la recensione di Michela Dall’Aglio del libro La vita non è il male di Caramore e Ciampa, e sono rimasto colpito dalla conclusione, per me sorprendente: «Ma nonostante la speranza che pervade tutto il libro, io fatico a credere che il bene conquisterà questa Terra se il suo fondamento è soltanto nel cuore umano. Certo non sarà mai sconfitto, estromesso dal mondo, ma sarà sempre a rischio, in lotta contro il male, se non può trovare sostegno e radice in un altrove metafisico e spirituale, se non può contare sulla forza e la fedeltà di un altro più grande di noi. Temo, e spero di sbagliarmi, che gli uomini saranno sempre quello che sono sempre stati: alcuni buoni, altri no; talvolta buoni, talvolta no. E non credo che i miti arriveranno a governare la Terra, però spero sinceramente che la erediteranno».
Felice Ciccioli via internet

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana