Google+

«400 milioni di bambini» dopo, la Cina cambia la legge sul figlio unico

ottobre 30, 2015 Leone Grotti

Il partito comunista cinese abolisce la legge sul figlio unico. Un comunicato diffuso da Xinhua spiega che la decisione verrà presa prima della fine del quinto plenum del Comitato centrale del Pcc. La notizia è di quelle importanti ma l’entusiasmo di tanti media va smorzato.
La legge che permetteva alle coppie di avere solo un figlio (salvo alcune eccezioni per le minoranze etniche e per i residenti in campagna il cui primo figlio era femmina) è stata introdotta nel 1979 e in 36 anni ha impedito, secondo le vanterie del partito, la nascita di «400 milioni di bambini». Nel nome della legge sono stati commessi abusi terribili, culminanti negli aborti e sterilizzazioni forzate: per capire di che cosa si tratta, basta leggere le storie della signora Lü, Feng Jianmei, Yang YuzhiZeng LiliLi Fengfei e Li Defu.

L’ECONOMIA RALLENTA. Nel 2013, in occasione del terzo plenum, la legge è stata allentata e alle coppie formate da due figli unici è stato concesso di avere due figli. I motivi, come si può immaginare, sono tutti economici: la forza lavoro cinese continua a calare (solo nel 2012 era scesa di 3,45 milioni di persone, nel 2014 di altri 3,7 milioni), l’economia rallenta e i consumi non bastano a sostenerla. Inoltre, la famiglia cinese, tradizionalmente numerosa, è stata distrutta: grazie alla legge centinaia di migliaia di anziani sono costretti alla solitudine e il sistema pensionistico è al collasso.

MANCANO LE DONNE. E ancora: il tasso di natalità della Cina è fermo a 1,18 figli per coppia. La preferenza culturale e pratica per i maschi ha portato il Dragone ad essere il paese con il «più grave squilibrio di genere al mondo». All’appello mancano infatti 40 milioni di bambine, nel paese vengono effettuati 13 milioni di aborti all’anno (molti selettivi) e i maschi sono 33 milioni in più delle femmine.

cina-aborto-Li-Fengfei

NUOVA LEGGE NON FUNZIONA. Il partito comunista si è reso conto del suo errore, e questo è positivo, ma ci sono due motivi per cui non bisogna esultare più di tanto. Il primo riguarda un problema pratico: ci vorranno molti anni prima che i cinesi ricomincino a fare due figli per coppia. Anche quando la legge è stata allentata, infatti, non ha funzionato granché: come riporta AsiaNews, su 11 milioni di coppie che potevano avere due figli, solo 1,45 milioni ne hanno fatto richiesta (per ogni gravidanza, infatti, bisogna comunque chiedere il permesso). Oltre all’abitudine, gli stipendi non sono più adeguati per avere una famiglia più numerosa.

L’ARROGANZA DEL REGIME. Il secondo motivo per cui non bisogna lasciarsi trasportare troppo dall’entusiasmo riguarda un problema di fondo. La Cina permetterà presto di avere due figli invece che uno o uno e mezzo, ma è sempre lo Stato, cioè il partito comunista, che decide quanti figli può avere una coppia di cinesi. La pianificazione familiare non finisce, semplicemente cambia i suoi parametri a seconda delle necessità. Ci sono troppi cinesi? Legge del figlio unico. Ce ne sono troppo pochi? Legge dei due figli. Cambia la quantità, ma l’arroganza con cui il regime si intromette in uno degli aspetti più intimi della vita di una coppia resta la stessa. E resta inaccettabile: a prescindere dai numeri.

Foto bambina Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

2 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Povero mondo!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La show car a batteria al debutto al Salone di Parigi può contare su di un motore da 170 cv e un’autonomia di 600 km. È una hatchback compatta disponibile a guida autonoma e anticipa 30 futuri modelli elettrici Volkswagen. Una rivoluzione.

La nuova ammiraglia della Stella è lunga 6,5 metri, pesa oltre 5 tonnellate ed è caratterizzata da una blindatura in grado di resistere sia alle armi d’assalto sia agli esplosivi. Adotta da un V12 6.0 biturbo da 530 cv. Il prezzo? 1,4 milioni di euro.

Una sella road da 63 grammi per dimostrare dove la tecnologia può portare ma anche un modello specifico da endurance, che offre comfort e supporto extra, e uno dedicato ai biker più esigenti.

La concept giapponese anticipa il design dei futuri modelli Mitsubishi. È dotata di un powertrain ibrido plug-in con tre motori elettrici. Una soluzione che porta in dote la trazione integrale a gestione elettronica e un’autonomia di 120 km a zero emissioni.

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana