Google+

Blatter premia Farina per infangare (come sempre) l’Italia

gennaio 11, 2012 Daniele Ciacci

Farina, terzino del Gubbio, nominato ambasciatore del Fair play della Fifa è stato osannato come la mosca bianca, pulita e onesta del disonesto e sporco calcio italiano. L’ennesima prova dell’odio che Blatter nutre nei confronti del calcio italiano. Ma lo svizzero farebbe meglio a guardare in casa sua: Qatar docet

Il faccione solare e rubicondo di Joseph Blatter, che ieri sera ha premiato il nazionale Simone Farina, ambasciatore del Fair play per la Fifa, non deve meravigliare. La bella storia del terzino del Gubbio, che ha smascherato la “mafia” del calcioscommesse e ha rifiutato 200 mila euro di mazzette, è buona da narrare ai bimbi prima di andare a letto. Positiva, ricca di buoni sentimenti e con tanto di lieto fine. Il presidente della Fifa ha impegnato molti fondi per trasformare la sua storia in un cartone che farebbe invidia alla Disney.

Ma, ripeto, non c’è niente di cui meravigliarsi. L’evento di ieri sera non implica nessuna accondiscendenza verso l’Italia, anzi, è proprio l’opposto: la premiazione di Farina è l’ennesima mazzata al Belpaese calcistico. Farina è la mosca bianca che oscura, in negativo, tutto il crudele e oscuro mondo del calcio italiano. Un mondo alla “pizzaefichi” che non piace alla rigidità elvetica, la quale, non essendo riuscita a impedire all’Italia di vincere quattro mondiali, fa di tutto per screditarla. È un fatto antropologico: non si guarda mai di buon occhio chi vive a latitudini inferiori alla propria. E questo rancore ha trasformato gli italiani nel nemico metafisico di Joseph Blatter. E una vita di gaffe e di tranelli lo testimonia.

Tranelli, sì, perché nessun tifoso benpensante potrebbe ragionevolmente ammettere che il presidente della Fifa non capisca nulla di calcio. Quindi, le sue innovazioni avranno uno sconosciuto motivo. Anche quella del Golden Goal, voluta proprio dallo svizzero, che costò all’Italia l’oro agli Europei del 2000 e la sconfitta agli ottavi di finale contro la Corea del Sud. Correva l’anno 2002. Insomma, Blatter sta alla politica come il Golden Goal sta all’innalzamento delle frontiere.

Ma, si dirà, l’astio tutto svizzero di Blatter verso i cugini del sud è soltanto agonismo, sana sportività con un pizzico di ironia. Come lo scherzo che giocò a Cannavaro & co. alla vittoria del Mondiale di Berlino del 2006. Nel momento della consegna della Coppa, il presidente Fifa era scomparso dallo stadio. Lo stesso Blatter spiegò, più tardi, che si sentiva ancora offeso per i fischi che gli riservò il pubblico nella partita inaugurale Germania – Costa Rica. Un pubblico notoriamente tutto italiano. Quindi, non stride vedere il terzino del Gubbio, osannato senza colpe come se fosse l’unico vero calciatore onesto di tutta la penisola, sul palco di Zurigo al fianco di Blatter. Per lo svizzero funziona l’equazione paradigmatica Italia=truffa. Quello che forse non sa è che in quell’equazione tutto il mondo al posto di “Italia” scrive proprio il nome “Blatter”. Tutti tranne quelle persone che vivono sotto il bel sole del Qatar, a cui lo svizzero ha regalato l’organizzazione dei mondiali del 2022 in cambio dei voti per farsi rieleggere l’anno scorso come presidente della Fifa per la quarta volta consecutiva.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. paolo delfini scrive:

    MA QUANDO ANDRA’ IL SIMPATICO BLATTER A GODERSI BEATAMENTE LA MERITATA PENSIONE DI ANZIANITA’? TUTTO QUESTO INGIUSTIFICATO LIVORE NEI CONFRONTI DI NOI ITALIANI, SECONDO ME E’ UN PURO COMPLESSO DI INFERIORITA’!AH BLATTER…..CAMBIA SPORT, DATTE AR GOLF!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana