Google+

Blade Runner non è solo un film di fantascienza

ottobre 2, 2017 Simone Fortunato

C’è un prima e un dopo il capolavoro di Scott. Il sequel avrà la stessa tensione religiosa?

Blade-Runner-2049-trailer-human-chambers

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti) – Ci sono dei film che segnano il prima e il dopo: Blade Runner, che esce nel 1982 è stata una cosa così. Uno di quei film che hanno colpito l’immaginario e hanno dettato il passo come in passato ce ne erano stati altri: Quarto potere, Sentieri selvaggi, quasi tutti i film di Kubrick, L’esorcista. Blade Runner esce nel 1982 e scompagina le carte. Non che la fantascienza prima fosse una sciocchezza. L’altro grande film di fantascienza, 2001: Odissea nello spazio, che esce nel 1968, sempre grazie a quel fenomeno di Stanley, aveva fatto piazza pulita di decenni di film, anche belli, di fantascienza da guerra fredda, intrisi di un clima di sospetto e della paura del nemico interno. I sovietici, mascherati un po’ ovunque, come nello splendido L’invasione degli ultracorpi di Don Siegel. Kubrick, con il suo film folle e squadrato, cartesiano fino al midollo eppure aperto all’inspiegabile, inserisce nel contesto classico della fantascienza un nuovo elemento, il tempo, e farà proseliti.

Il primo quarto d’ora di Alien di Scott è una ripresa in chiave horror di tante suggestioni di 2001 e poi sempre Scott, mollati i vari sequel di Alien, si dedica alla trasposizione di un romanzo di Dick a cui lavorò anche dopo l’uscita, mutando radicalmente il finale. È Blade Runner, che oltre a consacrare Ford come attore simbolo di certo cinema d’azione e d’avventura, restituisce un’immagine nuova del futuro: la verticalità della città, l’atmosfera plumbea e piovigginosa, la colonna sonora di Vangelis, gli elementi della narrazione hard boiled, la sofferenza eroica di un Marlowe nei panni di Rick Deckard, il detective che dà la caccia a degli androidi che sono a tempo, nelle mani di un creatore che si fa beffe di loro. Pessimista e inquieto, con un finale troppe volte rimontato, è il punto più alto della carriera di uno come Scott che fece benissimo fino ad allora e poi si perse un po’ per strada tra tanti medi film e qualche scivolone.

Sulle tracce del vecchio Blade Runner ci sono regista e attori diversi, anche se il vecchio Ford rimane. L’idea del nuovo regista Villeneuve è quella di farne un sequel tradizionale mantenendone l’impianto visivo e narrativo. Non sarà facile: il rischio coi sequel è di realizzare una fotocopia sbiadita o peggio di rendere artificiosi gli elementi di novità del film di partenza. Nel caso di Blade Runner, oltre all’estetica innovativa, una tensione religiosa mai più ritrovata nella fantascienza successiva.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

I nuovi Michelin Road 5 alzano l’asticella: c’è più grip sul bagnato rispetto ai Pilot Road 4 e il degrado delle prestazioni è più costante

L'articolo Michelin Road 5, turistiche (non) per caso proviene da RED Live.

Nata dalla collaborazione tra Lapo Elkann e Horacio Pagani, la Pagani Huayra Lampo è una speciale one-off che s’ispira alla mitica Fiat Turbina

L'articolo Huayra Lampo, la Pagani di Lapo proviene da RED Live.

Una M5 è già di per sé abbastanza esclusiva e performante? Non tutti la pensano in questo modo. Tanto che la BMW ha presentato i nuovi accessori della linea M Performance dedicati alla berlina sportiva della Motorsport. Un’anteprima affiancata dall’unveiling della M3 30 Years American Edition. Una versione speciale allestita per celebrare i 30 anni […]

L'articolo BMW M5 M Performance: fibre preziose proviene da RED Live.

I nuovi Kymco People S 125 e 150 2018 si rifanno nel look e sfruttano motori di ultima generazione. Piccole novità anche nella ciclistica, aggiornata e ora più rigida.

L'articolo Kymco People S 125 e 150 2018 proviene da RED Live.

PROLOGO Cento anni fa, era il 4 novembre 1917, nella fase più cruenta del grande conflitto mondiale, prese il via la 13ª edizione del Giro di Lombardia. Incredibile come solo undici giorni dopo la tragica battaglia di Caporetto (24 ottobre), che ci costò 12.000 morti, 30.000 feriti e oltre 260.000 prigionieri, la Gazzetta dello Sport […]

L'articolo Giro di Lombardia, 100 anni dopo proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download