Google+

Menichini: «L’inciucio che il Pd non dovrebbe fare»

febbraio 8, 2012 Chiara Sirianni

Si fanno sempre più insistenti le voci di una possibile convergenza tra Pd e Pdl sulla riforma elettorale, in modo da escludere i partiti minori, compreso il Terzo polo. Il direttore di Europa Stefano Menichini, però, non è d’accordo: «Bersani preferisce avere un Pd amplio, conquistando la sua egemonia sul piano politico del consenso».

«Bisogna parlare con tutti. Le forze che sono in Parlamento e quelle fuori» ha detto il segretario del Partito democratico, Pier Luigi Bersani, a proposito della riforma della legge elettorale. Nel centrosinistra c’è un gran movimento in questi giorni. Perché se Bersani è alle prese col sostegno al governo Monti (e con la necessità di non perdere al contempo i principali e futuribili alleati, Idv e Sel) la fila dei delusi si allunga giorno dopo giorno. Lo dimostra la divergenza emersa nel dibattito sulla riforma del lavoro, tra la proposta di Ichino e il disegno proposto da Fassina. E il leader di Sel, Nichi Vendola, ha già mandato a Largo del Nazareno un chiaro messaggio: se il Pd va a destra, l’alleanza alternativa con l’Idv è bella che pronta. 

Dopo mesi di fervore dietro alle quinte, la politica si sta quindi riprendendo la scena a partire dalla legge elettorale. Il Pdl ha avviato un ciclo di incontri bilaterali con le altre forze politiche, partendo proprio da chi, davanti a una riforma delle urne, si è sempre dimostrato categoricamente contrario (Lega Nord). Nel frattempo il Pd si dice disposto a fare a meno del doppio turno, se il Pdl rinuncia al premio di maggioranza. Quale gioco stanno facendo i partiti? C’è forse in atto un doppio movimento, assolutamente simmetrico e in corso sia nel Pdl che nel Pd, che punta a scomporre i due partiti per poi poi ricomporli depurati dalle componenti più identitarie?

L’ ex premier si è schierato a difesa del bipolarismo invitando al dialogo il Pd:  mossa che molti interpretano come il tentativo di tagliar fuori dal confronto non solo Idv e Sel, ma anche Terzo polo e Lega. Si tratterebbe quindi di creare una formazione moderata, cattolica e popolare: un’alleanza organica, che ricalcherebbe l’attuale maggioranza pro-Monti in Parlamento. E, a bocce ferme, è il Pd a trovarsi nella situazione più delicata. Cosa dobbiamo aspettarci? Per il direttore di Europa, Stefano Menichini, siamo solo alla fase di riscaldamento: tutto dipenderà dai tempi e dai modi della riforma elettorale, spiega a tempi.it. Dopo, sarà più semplice capire le intenzioni dei partiti. Per Menichini semplificare l’offerta politica, in un accordo a due a scapito delle forze più radicali (che sarebbero obbligate a subordinarsi a partiti maggiori) non ha senso: «Per questo il Pd ha il compito di ampliare il più possibile le alleanze. Al momento mi sembra che la linea del partito sia questa: non solo, deve cercare di includere anche un eventuale quarto polo composto da Di Pietro e Vendola».

Alcuni hanno cercato di proporre una legge elettorale che ricalchi il modello tedesco: a che scopo? «Molti sono convinti che avverrà un accordo a due, per obbligare i partiti minori a subordinarsi agli altri. Ma io credo che il Pd non starà al gioco, perché Bersani non è Veltroni. Ha una concezione della politica molto diversa. E credo preferisca avere un Pd amplio, conquistando la sua egemonia sul piano politico del consenso». Nel frattempo, è al fuoco amico che bisogna fare attenzione. Comprese le personalità che a livello locale (si parla di “lista civica nazionale” che metta insieme “le grandi personalità del Paese”) si fanno sedurre da Sel e Idv. Perché in questo momenti i protagonismi possono essere estremamente controproducenti per il centrosinistra: «Nel 2008 lo schema è stato questo. E ha vinto Berlusconi. Oggi, chi vincerebbe?».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. taddei francesco says:

    uno schieramento con vendola, di pietro, bersani, casini e fini?
    “ahi serva italia…”

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.