Google+

Bersani, la portavoce di Bersani, D’Alema e Renzi. Se nel Pd si mettessero d’accordo sarebbe meglio

marzo 1, 2013 Redazione

La confusione è grande nel partito democratico. L’unica cosa (forse) certa è che si tenterà un accordo coi grillini e si dirà no a un governissimo con Berlusconi.

Matteo Renzi smentisce le voci che lo vorrebbero disponibile a fare il presidente del consiglio. Il sindaco di Firenze prima, e il suo portavoce poi, scrivono via twitter che quanto paventato oggi sulle pagine del Corriere della Sera, «non è vero». Scrive, infatti, Renzi: «Ciò che volevo per l’Italia l’ho detto per le primarie. Ho perso. Adesso faccio il sindaco. Non ci possiamo permettere neanche i rimpianti”».
Il Corriere stamane, invece, aveva pubblicato un articolo in cui si riportavano voci sulla disponibilità del primo cittadino toscano a guidare un governo se il suo nome fosse stato proposto al capo dello Stato, Giorgio Napolitano, all’interno di una rosa di nomi, senza, cioè, un’indicazione “secca” del segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. Secondo il quotidiano di via Solferino, Renzi avrebbe detto ai suoi collaboratori che «la realtà dei fatti è questa: io non mi farò mai cooptare dal partito. Manco morto! Nessuno dei vertici potrà mai dire: “Il nostro prossimo candidato premier sarà Renzi”. Perché a quel punto io dico: no, grazie. Altra cosa è se il Partito democratico va alle consultazioni da Giorgio Napolitano con una rosa dei nomi. Cioè, senza dire che la richiesta è quella di Bersani secca». Ricostruzione che, come detto, lo stesso Renzi ha oggi smentito.

LA PORTAVOCE. Sul Corriere, appare però anche un’intervista alla portavoce di Bersani, Alessandra Moretti. Moretti chiude a qualsiasi tipo di accordo con Silvio Berlusconi: «Noi stessi, penso alla nuova generazione di democratici che entrerà in Parlamento, faremmo fatica a votare la fiducia a un governo con Berlusconi, che è il nostro legittimo impedimento». Apre, invece, con forza ai grillini: «Ora dobbiamo individuare una strategia alternativa per governare il Paese. Noi abbiamo molta fiducia nei parlamentari del M5S, portano istanze molto simili a quelle di una nuova classe dirigente del Pd e sento che possiamo trovare un’intesa. Adesso è la nuova generazione che deve parlare». Addirittura si potrebbe ipotizzare un passo indietro di Bersani: «Se ci venisse chiesto, se la direzione individuasse un’altra figura di garanzia per dialogare con il M5S, tutti dovremmo pancia a terra lavorare per questo. Il primo a tirarsi indietro sarebbe Bersani, pronto a fare il capitano o il mozzo senza abbandonare la nave». Quindi, «Renzi candidato premier al posto di Bersani?» le viene chiesto. Risposta: «Mettiamo caso che Napolitano faccia questa scelta… Se Renzi fosse ritenuto decisivo per promuovere un approccio diverso saremmo tutti pronti a lavorare per questa soluzione. Mi appello alla responsabilità dei renziani. Che senso ha accanirsi con Bersani, come fosse l’unico responsabile della sconfitta? Cerchiamo di essere responsabili. La resa dei conti sarebbe un suicidio».
Insomma: no all’ipotesi D’Alema, il cui pensiero è bollato come “inciucio” («escludo inciuci con il Pdl e sono contraria a offrire a Berlusconi il Senato», dice Moretti), sì a cercare un accordo col M5S mandando avanti «Renzi, ma anche a Fassina, a Orlando, a De Micheli, a Giuntella, a Moretti…». Basta D’Alema e Veltroni («Devono lasciare spazio ad altri, non lo hanno capito?»).

BERSANI. Mentre si legge tutto ciò, che cosa dice Bersani in un’intervista a Repubblica? Questo: «Chiamatelo come volete: governo di minoranza, governo di scopo, non mi interessa. Mercoledì prossimo lo proporrò in direzione, poi al Capo dello Stato: io lo chiamo un governo del cambiamento, che mi assumo la responsabilità di guidare, che propone sette o otto punti qualificanti e che chiede in Parlamento la fiducia a chi ci sta». E chi ci dovrebbe starci? Grillo e Pdl cui si potrebbero offrire  le alte cariche dello Stato («sui ruoli istituzionali siamo pronti a esaminare tutti gli scenari»). Possibilità per un governissimo con Berlusconi? Zero. «Ora basta – dice il leader del Pd -, di occasioni per dimostrarsi responsabile ne ha avute e le ha sprecate tutte».
Bersani, che sconfessa D’Alema sull’idea del governissimo, si candida a guidare il governo e a cercare un’intesa con Grillo cui manda un messaggio: «Grillo dice: “sceglierò legge per legge cosa votare”? Leggendo la nostra costituzione, votare legge per legge non è sufficiente, perché un governo nasce con un voto di fiducia o non nasce per niente. Ora sta a lui scegliere. Il cambiamento non lo fai con quelli che di una torta si vogliono mangiare solo la ciliegina. Il Paese va governato, non può essere lasciato allo sbando di fronte all’Europa e ai mercati». A Grillo «lancio questa sfida. Il governo di cambiamento che propongo non risponde solo al sentire del suo popolo, ma anche del mio. Finora il suo slogan è stato “tutti a casa”. Bene, ora che dentro la casa c’è anche lui dica con chiarezza se vuole andare via anche lui o se è interessato a ristrutturare la casa».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana