Google+

Berlusconi: «In pensione a 67 anni». Sarkozy e Merkel ci deridono – RS

ottobre 25, 2011 Redazione

Silvio Berlusconi annuncia di voler rivedere le pensioni di anzianità: «In Europa si è parlato di un’età pensionabile uguale per tutti, a 67 anni, lo farò presente alla Lega anche perché siamo l’unico paese ad avere anche le pensioni di anzianità». Sarkozy e Merkel in conferenza stampa irridono l’Italia alla domanda: «Vi ha rassicurato monsieur Berlusconi sull’Italia, sulle sue riforme?»

Ieri il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha paventato l’idea di mettere mano alle pensioni, dopo una giornata in cui “è stato irriso da Sarkozy, ha ricevuto un ultimatum durissimo da Van Rompuy e si è fatto riprendere dalla signora Merkel (…): «In Europa si è parlato di un’età pensionabile uguale per tutti, a 67 anni, lo farò presente alla Lega anche perché siamo l’unico paese ad avere anche le pensioni di anzianità». «Bossi ha a cuore i pensionati – ha aggiunto il presidente del Consiglio -. Ma questo non collide con la difesa dei pensionati, perché non andiamo a toccare, a diminuire, le pensioni di nessuno. Ormai con lo sviluppo della vita media, che è intorno agli 80 anni, per i giovani mantenere delle persone che vanno in pensione a 58 anni e poi vanno avanti fino agli 80 e oltre è un carico francamente ingiusto. Gliene parlerò»” (Corriere, p. 3).

“Giornalista francese: «Vi ha rassicurato monsieur Berlusconi sull’Italia, sulle sue riforme?». Silenzio. Sarkozy ballonzola sulle gambe come un pugile peso piuma. Occhi al cielo. Bocca serrata in una piega all’ingiù, in quel ghigno divertito. E ancora Sarkozy che allarga le braccia e fissa a lungo Angela Merkel, pure lei sorridente lì accanto, come a dire: «Adesso chi risponde?». Tre, cinque secondi sospesi nel vuoto, poi una prima risposta arriva: «Abbiamo fiducia nell’insieme delle autorità italiane, nelle istituzioni politiche, economiche e finanziarie del paese…»” (Corriere, p. 2).

“Il vertice dei capi di Stato e di governo della Ue ha preso così una svolta imprevista, in una sonnolenta domenica di novembre. Che l’Italia fosse sotto il lentino del microscopio lo pensavano tutti. Così non ha stupito più di tanto il monito di Herman Van Rompuy, presidente stabile della Ue, dopo i ripetuti colloqui con Berlusconi: «Chiediamo all’Italia un considerevole sforzo, con la certezza che sia pronta a farlo. Oggi, non abbiamo preparato la riunione di questa sera ma quella di mercoledì». Mercoledì, cioè fra tre giorni, al prossimo vertice già fissato, servono «rassicurazioni» da Roma: e se non è un ultimatum poco ci manca. Ancora Van Rompuy, infatti: «Abbiamo chiesto rassicurazioni sul fatto che le coraggiose misure che l’Italia ha preso siano anche attuate in tempi brevi… Mi riferisco alla riforma del mercato del lavoro, dell’impresa pubblica, le privatizzazioni, alla riforma della giustizia, alla lotta alle frodi fiscali. Lavoriamo a braccetto con l’Italia perché i Paesi membri dell’Unione e gli investitori si rassicurino sul fatto che l’Italia mantenga quanto ha promesso»” (Corriere, p. 2).

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. 0568168810 scrive:

    Io mi chiedo questo: è accettabile che questi due, prima lui poi lei con il loro atteggiamento sollecitino le risate della sala stampa? Io credo che dovrebbero essere loro a vergognarsi! Guardate che prima o poi le grane arrivano per tutti, anche per voi che vi sentite ormai i padroni d’Europa. Sarkozy non è uomo di grande moralità; e sia lui che la Merkel hanno a cuore solo i propri interessi, senza pietà per nessuno. Fino a prova contraria, chi all’estero dileggia il nostro presidente del consiglio,offende il nostro paese. E le risatine sono prova di grettezza, maleducazione e infantilismo culturale!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana