Google+

«Sembra il ’93», scrive il Corriere. In caso di condanna di Berlusconi «è chiaro cosa accadrebbe»»

luglio 11, 2013 Redazione

La frettolosa sentenza della Cassazione sul Cavaliere e la strana bocciatura dell’Italia da parte di S&P. Verderami evoca la fine della Prima Repubblica

«C’è il buio oltre la sentenza giudiziaria che verrà emessa a fine mese dalla Cassazione su Berlusconi, e c’è il buio oltre il verdetto economico che è stato pronunciato l’altro ieri da Standard & Poor’s», ovvero il declassamento a sorpresa dell’Italia (rating da BBB+ a BBB). Lo scrive Francesco Verderami in un inquietante “retroscena” pubblicato oggi dal Corriere della Sera. «Per quanto distinti e distanti», spiega Verderami, questi due giudizi inevitabilmente «richiamano alla memoria l’inizio degli anni Novanta, la fine della Prima Repubblica, la crisi che investì il paese e la perdita di asset strategici finiti all’estero». Per di più, si legge nell’articolo, «alcuni particolari delle due vicende» sono molto insoliti, tanto da avere attirato l’attenzione delle «massime cariche dello Stato». Si tratta, scrive il Corriere, del «fax inviato due giorni fa alla Cassazione dalla Procura di Milano sui tempi di prescrizione del processo Mediaset» e della «decisione di S&P di declassare l’Italia nel bel mezzo della settimana e non il venerdì sera, a mercati chiusi, come solitamente avviene».

«PRESSIONE EVIDENTE». Secondo Verderami, «è evidente la pressione sul governo delle larghe intese, che nel Pdl come in un pezzo del Pd è definita “ostilità”». Così come è evidente che se il Cavaliere «dovesse venire definitivamente condannato non ci sarebbero margini per una prosecuzione della legislatura». Il Corriere cita in proposito Maurizio Lupi, ministro delle Infrastrutture ed esponente autorevole del Pdl, il quale ha confermato che «se il 30 luglio ci fosse una sentenza avversa a Berlusconi, è chiaro cosa accadrebbe».

LO SCENARIO DELLA FINE. «Dopo un eventuale verdetto negativo della Corte» nei confronti del leader del centrodestra, esplicita Verderami, «il Senato sarebbe chiamato a esprimersi con la “presa d’atto” per estromettere il Cavaliere da Palazzo Madama». Ebbene, «non c’e dubbio che nel voto Pd e Pdl si dividerebbero. E quell’atto politico sul leader del centrodestra non consentirebbe di proseguire l’esperienza delle larghe intese». Questo, paradossalmente, avverrebbe malgrado Berlusconi – aggiunge il notista politico del Corriere – il quale invece «farebbe di tutto per garantire lunga vita alle larghe intese», un po’ «per sconfiggere quella che definisce la “lobby mediatico-giudiziaria”» e un po’ per frenare l’ascesa di Matteo Renzi, impedendo così «l’avvento della sinistra al potere per i prossimi quindici anni».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. giuliano says:

    in attesa dei velenosi commenti dei mentitori delinquenti di sinistra, facciamo nostra la definizione che sta girando ovunque a riguardo i processi contro Berlusconi: “processi sommari” cioè quelli in auge nei regimi totalitari

  2. Cisco says:

    La dietrologia è sempre rischiosa, ma quello che è certo è che parti importanti della magistratura vogliono far fuori Berlusconi. Non che politicamente non se lo meriti (sono il primo a dire che i suoi governi sono stati ridicoli e hanno tradito quasi tutte le promesse elettorali), ma la magistratura non deve fare politica, che in democrazia è appannagio di tutti i cittadini organizzati in associazioni e partiti, non in corti marziali.

  3. giuliano says:

    le due facce della stessa medaglia dice, mentendo. il sig Sarti.
    la faccia Berlusconi vediamo come viene trattata
    la faccia PD vediamo come viene ignorata (MPS che fine ha fatto ??)
    parli di sport sig Sarti, forse non avrà li argomenti per mentire

    • Emanuele says:

      Giusto parliamo di MPS, dov’é il PDL quando è successo lo scandalo? Ha fatto interrogazini? Ha fatto qualcosa?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.