Google+

Benzina, armi, potere e massacri. Così lo Stato islamico si è conquistato il favore delle tribù di Iraq e Siria

novembre 28, 2014 Redazione

I governi iracheno e siriano insieme agli americani non sono in grado di offrire di meglio. Ecco perché «una rivolta su larga scala contro lo Stato islamico resta pura fantasia»

Lo Stato islamico non avrebbe mai potuto conquistare oltre 130 mila chilometri quadrati di territorio tra Iraq e Siria, un impero più esteso della Gran Bretagna, se non fosse stato in grado di guadagnarsi con le buone o le cattive il favore delle tribù locali.

DIVIDE ET IMPERA. Molte tribù della parte orientale della Siria e di quella settentrionale dell’Iraq rappresentano le istituzioni sociali più potenti dei due Paesi. Queste a loro volta sono divise in clan e lo Stato islamico, come riportato dall’Associated Press, è stato abile a dividere i clan tra di loro per meglio controllarli.

«POTREMMO COMBATTERE INSIEME». Nella provincia di Deir Ezzor, ad esempio, una delle tribù più importanti è quella di Ogeidat. Uno dei suoi clan principali, Bu Jamel, si è sempre opposto ai terroristi, mentre i Bakir si sono fatti convincere ad allearsi. «Sanno come fare», spiega Abu Ali al-Badie, leader tribale della provincia di Homs. «Loro vengono da te e ti dicono: “Perché combattete contro altri musulmani? Noi possiamo offrirvi armi, macchine, fucili e potremo combattere insieme”. Poi ti regalano carburante e diesel. Portano il necessario per nutrire il bestiame e costruiscono pozzi a loro spese per le tribù, dicendo: “Altri non si sono occupati dei vostri bisogni”».

hit-anbar-iraq-stato-islamicoSTERMINI. In questo modo i terroristi si sono conquistati il favore della maggior parte delle tribù siriane e irachene. Altri leader sono stati convinti dopo aver ricevuto posti di rilievo e di potere nel Califfato, pur mantenendo il controllo delle proprie aree per conto dell’Isil. Allo stesso tempo, le tribù che si sono rifiutate di allearsi sono state sterminate.
È il caso della tribù Shueitat nella Siria orientale: tra i 200 e i 700 membri sono stati giustiziati in massa. Stessa sorte è toccata alla tribù Al Bu Nimr della provincia irachena di Anbar. «Tutti scappano o si nascondono», ha testimoniato Abu Ali al-Badie, un leader di Al Bu Nimr. «Ci hanno detto che ci lasceranno in pace solo quando ci uniremo alla loro battaglia contro il governo iracheno».

«RIVOLTA? PURA FANTASIA». Poiché né il governo iracheno e gli americani in Iraq, né il regime di Bashar Al Assad in Siria, sono in grado o intenzionati a offrire qualcosa di meglio, alla maggior parte delle tribù non resta che unirsi allo Stato islamico. «Per il momento», afferma Haian Dukhan, ricercatore del Centro di studi siriani dell’Università di St. Andrews, «se le cose resteranno così, penso che una rivolta su larga scala contro lo Stato islamico resti solo una pura fantasia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana