Google+

Belgio. E ora che l’eutanasia per i bambini è legge? «Dobbiamo educare i giovani e impegnarci in politica»

marzo 6, 2014 Benedetta Frigerio

Intervista a Drieu Godefridi, portavoce del movimento belga “casacche gialle” che si è battuto contro l’introduzione della legge: «L’hanno approvata in modo subdolo ma alcuni credenti e intellettuali si sono risvegliati»

Ora che il re del Belgio Filippo ha firmato la legge sull’estensione dell’eutanasia ai minori, che cosa faranno i belgi che hanno protestato contro questa norma? «C’è una guerra educativa e politica da combattere», dichiara a tempi.it Drieu Godefridi, filosofo agnostico e giurista alla Sorbona di Parigi, portavoce del neonato movimento belga “Les dossards jaunes” (“casacche gialle”) che ha protestato contro l’eutanasia al fianco dei cattolici.

La legge è passata con 84 voti favorevoli, 44 contrari e 12 astenuti. Questo ampio consenso rispecchia quello della società civile?
Quando la legge sull’eutanasia è stata approvata nel 2002 ci fu un dibattito enorme, che questa volta è mancato. Dodici anni fa la società era spaccata ma ora la legge ha radicalizzato la mentalità: molti malati pensano di non valere niente e i giovani credono che, se si soffre, la vita non è degna di essere vissuta. I casi di eutanasia continuano a crescere: solo l’anno scorso sono stati 1.500. Per approvare l’eutanasia infantile, però, è stato usato un metodo subdolo al fine di non destare scandalo.

Quale?
Come al solito sono stati portati esempi estremi di possibili sofferenze atroci. Si sono utilizzate espressioni che confondono, come “aiuto a morire” o “morte compassionevole”, per far leva su un sentimentalismo già dilagante. Anche se nessun bambino ha mai chiesto l’eutanasia, si è parlato comunque di autodeterminazione, come se fossero in grado di scegliere. Il governo poi non aveva mai inserito nel suo programma questa legge: hanno scelto la tattica del silenzio.

La Chiesa ha detto: «Prendiamo atto della situazione, ma non la accettiamo».
I credenti hanno partecipato al dibattito offrendo ragioni laiche e umane, spiegando che questa è una trappola per far pensare a chi soffre che è meglio se toglie il disturbo e per estendere l’eutanasia alle persone handicappate o malate di mente. Proprio come nella Germania nazista. Purtroppo però sulla Chiesa c’è un pregiudizio enorme e il mondo cattolico è in crisi. Il re Filippo l’ha rappresentata bene: molti come lui vanno a Messa ma poi vivono come gli altri. Il suo “no” sarebbe stato la testimonianza importante di un uomo libero che non ha paura del potere.

È possibile tornare indietro?
Credo che occorra aprire un dibattito europeo: di questa legge se ne parla già in Inghilterra e in Francia. Bisogna educare i ragazzi, tornando a vivere secondo i princìpi naturali che vogliamo difendere, ed impegnarsi in politica e nell’informazione. Alle elezioni che si terranno tra poco bisognerà poi rimettere questa legge al centro del dibattito, facendo emergere l’illegalità in cui viene applicata. È necessario anche svelare gli interessi economici che stanno dietro questi provvedimenti, dato che curare costa molto di più che uccidere i malati.

Vede qualche segnale positivo nella società?
Contro questa legge hanno parlato cattolici, musulmani ed ebrei. Ci sono intellettuali che si sono risvegliati, molti pediatri che si sono opposti alla legge, associazioni che operano per sostenere le persone che soffrono con le cure palliative, gente che aiuta i malati. Ma perlopiù la società è rimasta passiva.

Perché?
La gente è interessata solo a ciò che la tocca da vicino. Ma io resto speranzoso e cerco di fare un cammino comune anche con chi crede, consapevole che le nuove generazioni sono ferite ma aspettano solo che qualcuno offra loro un senso.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Terrùn scrive:

    Educare i giovani?
    Fino a quando non ci sarà la libertà di poter scegliere come e dove educare i nostri figli questo non sarà mai possibile, perchè non bisogna partire dai valori, ma da qualcosa ALTRO.
    La politica in questi anni non ha fatto per potere avere una vera parità educativa, nemmeno con il governo più liberista Berlusconi 2008 a maggioranza bulgara, anzi ha tagliato i pochi contributi con ( Tremonti e la Gelmini).
    La gente è disgustata dalla politica,perchè è contro l’uomo ma è populista quindi genera confusione e questo fa comodo al potere.

  2. francesco taddei scrive:

    domenica il re del belgio andrà a messa e il prete non avrà problemi a dare la comunione ad una persona così gentile e rispettosa delle istituzioni come l’amato re.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana