Google+

Riconosciuti martiri i due missionari francescani uccisi dai maoisti peruviani perché predicavano “la pace che addormenta la gente”

febbraio 6, 2015 Redazione

Miguel e Zbigniew avevano trent’anni nel 1991 quando furono giustiziati dai guerriglieri di Sendero Luminoso perché accusati di essere al soldo degli imperialisti. Ma per la Chiesa sono martiri

MiguelTomaszek_ZbigniewStrzalkowski_ofmconvPapa Francesco ha autorizzato pochi giorni fa la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i decreti riguardanti il martirio dei Servi di Dio Michele Tomaszek e Sbigneo Strzałkowski, missionari dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, sequestrati e uccisi il 9 agosto 1991 a Pariacoto, sulle Ande peruviane, da un commando di guerriglieri di Sendero Luminoso.

I due francescani polacchi della Provincia religiosa di sant’Antonio di Cracovia furono giustiziati, poco più che trentenni, dai guerriglieri maoisti per l’attività caritativa che svolgevano nella prima missione avviata in Perù nel 1989 dai Frati Minori Conventuali. «Ingannano il popolo perché distribuiscono alimenti alla Caritas, che è imperialismo. Predicano la pace e così addormentano la gente», fu la sentenza del commando. La morte però non ha fermato l’opera a favore dei più poveri continuata da altri frati e sostenuta nel 2012 dalla Caritas Antoniana di Padova con la realizzazione del «Centro pastoral social san Antonio de Padua in Pariacoto», un centro scolastico a servizio di 72 piccole comunità afferenti alla missione.

«Questi martiri ci insegnano ancora una volta quanto sia importante stare vicini ai poveri per vivere il Vangelo – commenta padre Giovanni Voltan, ministro provinciale della Provincia italiana di S. Antonio di Padova, esprimendo la gioia di tutta la comunità del Santo per la notizia – Papa Francesco, riconsegnando alla Chiesa tutta questi e altri martiri dell’America Latina, rende giustizia a una Chiesa locale che ha molto sofferto e non sempre è stata letta nel modo giusto dal mondo occidentale».

Alla storia dei due confratelli, le Edizioni Messaggero Padova avevano dedicato ancora nel 2013 il libro Frati martiri. Una storia francescana nel racconto del terzo compagno scritto a vent’anni dall’eccidio dall’unico sopravvissuto, Jarek Wysoczański (in patria in quel periodo), sollecitato dalle domande di Alberto Friso, caposervizio al «Messaggero di sant’Antonio». Il titolo riprende le parole con cui Giovanni Paolo II aveva commentato la notizia dell’uccisione dei due conventuali: «sono i nuovi santi martiri del Perù».

Sempre il 3 febbraio, il Santo padre ha dato il via libera anche al martirio dei Servi di Dio Alessandro Dordi, il sacerdote diocesano che subì la stessa sorte dei due frati polacchi pochi giorni dopo, il 25 agosto, a Rinconada (Perú), Oscar Arnolfo Romero Galdámez, l’arcivescovo di San Salvador assassinato il 24 marzo 1980, e al decreto riguardante le virtù eroiche del Servo di Dio Giovanni Bacile, arciprete decano di Bisacquino.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. maurizio says:

    Quanti commenti prezzolati per la presenza,lecita perché persona non condannata né inquisita ma solo sospesa dall’autorità religiosa,e nessuno per questi frati,uccisi in odio alla fede,quella fede che li ha portati a spendersi totalmente per i poveri.Strano no?! o forse no visto come si é capovolto il mondo…ma fermarsi a queste considerazioni sarebbe riduttivo perché c’é una differenza abissale di umanità tra quei due frati e certi disturbatori e/o giornalisti pagati per creare e seminare maldicenza,menzogne e ostilità preconcetta verso chi la pensa diversamente.Il bene sembra sconfitto e i furbastri sembrano vincitori..ma,in realtà,non é cosi. Io comunque mi tengo i miei amici martiri,liberi-contenti loro-altri di tenersi iene o giornalisti venduti o disturbatori manovrati!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download