Google+

Basterà un cerotto per diventare il centravanti della Nazionale?

giugno 29, 2012 Elisabetta Longo

Da quelli azzurri visti all’Europeo a quelli per smettere di fumare, sembra che per ogni malanno esista un cerotto. Ma ricordatevi della legge di Murphy

Al 35esimo minuto di Italia-Germania Supermario Balotelli segna il secondo gol. Esulta senza freni, si toglie la divisa con il numero 9 e posa da culturista mentre i compagni corrono a festeggiarlo e l’arbitro gli appioppa il cartellino giallo che punisce chi rimane senza maglia. Sulle fasce muscolari lombari della sua schiena, spiccano tre cerotti azzurri come la maglia che si è tolto. E tutti a chiedersi “ma a che servono”? E il cerotto da semplice orpello curativo diventa uno status symbol, e si prevedono avvistamenti multipli sulle spiagge dell’estate 2012. Basta solo che scegliate quello più adatto a voi.

C’è appunto il taping kinesio, il cerotto usato da Balotelli per contrastare i dolori, che funziona in modo elastico sul muscolo sul quale viene applicato, e così facendo minimizza il dolore. È fashion, in quanto disponibile in vari colori, quindi volendo potete abbinarlo al vostro costume, macchina o fidanzata.

Qualche tempo fa, il cerotto più usato dai calciatori era quello nasale. Il “breath right”, va posto sul naso, non contiene medicinale ma si occupa di sollevare leggermente le narici. In questo modo si inspira più aria e si ha sollievo qualora si abbia una congestione nasale. Ora disponibile anche per mariti russatori da competizione, l’oggetto è stato via via abbandonato dai calciatori, e non si vede più molto in giro.

Ci sono poi ai cerotti medicati, che contengono farmaci e curano, di solito con antidolorifici. Ora, per feticisti, disponibili anche nella versione riscaldante, per alleviare la parte dolorante. Ci sono poi i famosi cerotti alla nicotina, da applicare una volta al giorno per stare lontano dalle bionde. Registrati casi di fumatori che se ne sono incollati addosso tanti addosso fino a comporre la parola “tabacco”, illusi di poter sostituire le sigarette. Infine, il cerotto contraccettivo, “semplice e discreto” si legge sul bugiardino, che rilascia estrogeni al fine di agire come anticoncezionale.

Passiamo quindi alla categoria dei cerotti estetici. Ci sono quelli antiacne, da applicare sul brufolo per farlo soffocare e sparire. Quelli abbronzanti, da mettere qualche settimana prima della prova costume per attivare le riserve di melanina. Quelli dimagranti con effetto ghiaccio, per minimizzare gli inestetismi. E naturalmente quelli per bambini, cerotti semplici ma con fantasie colorate al fine di rendere più sopportabile la medicazione.

Se siete confusi, o non vedete l’ora di avere l’accessorio dell’estate, ricordatevi comunque la frase di Artur Bloch, l’inventore della legge di Murphy. «Ci sono solo due tipi di cerotti, quelli che non si attaccano e quelli che non vengono più via».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana