Google+

«Basta remare contro Fabbrica Italia, a Pomigliano il progetto va avanti»

settembre 18, 2012 Redazione

«Su Fabbrica Italia Pomigliano – dice Giuseppe Terracciano (Fim Cisl) – regna una grande confusione, perché ognuno dice la propria, chi è a favore della Fiat, chi è contro, ma si crea solo caos e preoccupazione»

«Su Fabbrica Italia Pomigliano regna una grande confusione, perché ognuno dice la propria, chi è a favore della Fiat, chi è contro, ma si crea solo caos e preoccupazione».

È quanto ha sostenuto il segretario generale della Fim Cisl, Giuseppe Terracciano, sostenendo che sulla questione «bisogna fare chiarezza».

«La Fip faceva parte del più ampio piano Fabbrica Italia – ha sottolienato – ma il progetto a Pomigliano è già stato realizzato, grazie a chi ha avuto il coraggio di sottoscrivere l’accordo poi sostenuto a maggioranza dai lavoratori con il referendum in fabbrica. Quindi non è in discussione, ed è teso ad andare avanti e non a tornare indietro. L’azienda c’è, e quella di Pomigliano è la realtà industriale migliore per quel che riguarda l’innovazione tecnologica, con la produzione di un modello che fa parte del segmento B, che per decenni ha mantenuto in vita la Fiat. Poi, non appena ci saranno le condizioni di mercato che riprenderà a salire, è chiaro che da parte nostra ci sarà una richiesta di incontro con i vertici per pianificare una salita produttiva che consenta l’assunzione di altri cassaintegrati».

Da parte del sindacalista, inoltre, l’appello a «chi ha sempre remato contro l’accordo». «La smettessero – ha concluso – e lavorassero seriamente per far andare avanti il progetto. Non demonizziamo chi ha investito in Italia, ma cerchiamo la coesione necessaria per uscire dalla crisi. E poi chiediamo al Governo di intervenire, di fare qualcosa per risollevare le sorti del settore fortemente penalizzato dalla crisi economica in essere, così come fanno in altri Paesi. Non può certo sostituirsi all’azienda, ma sicuramente può fare in modo da ridurre i costi e le spese, e di non gravare sulle tasche dei contribuenti che sono anche gli acquirenti delle vetture».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

3 Commenti

  1. david says:

    Verissimo: su Fabbrica Italia regna una grande confusione e quelli che la alimentano sono: questo esponente della Fim Cisl e Tempi con questo articolo ai limiti del ridicolo.
    C’è solo una persona che vuol remare contro l’accordo da lui stesso voluto: il sig. Sergio Marchionne. Costui ha detto (ma i redattori di Tempi non leggono leggono le sue dichiarazioni?): “Quel progetto non è in linea con l’andamento attuale dei mercati”.”Le cose sono profondamente cambiate da quando nell’aprile 2010 venne annunciato il piano. E’ impossibile fare riferimento ad un progetto nato due anni e mezzo fa ed è necessario che il piano prodotti e i relativi investimenti siano oggetto di costante revisione per adeguarli all’andamento dei mercati” QUESTO E’ UN IMPRENDITORE CORAGGIOSO E RISPETTOSO DEGLI IMPEGNI PRESI A SUO TEMPO DAVANTI AL MINISTRO SACCONI E ALLE PARTI SOCIALI ALLE QUALI HA PROPOSTO UN REFERENDUM IN BASE A QUEGLI IMPEGNI????????
    Tempi ormai è solo ideologia pura!

    • david says:

      E per quanto riguarda Pomigliano in particolare: ” I sindacati firmatari cercano di calmare gli animi – spiegano gli operai – ma dalla prossima settimana si ricomincia con la Cig, due settimane, che si aggiungono alle due di agosto”.
      La rivista Tempi prima o poi imparerà a dare le notizie complete e a dar voce agli operai????

      • david says:

        E chiudo così:
        dopo Sant’ Antonio Simone, quelli di Tempi sono impegnati solo a far brillare l’aureola sul loro San Sergio Marchionne. Per i redattori di Tempi ci sono solo santi e diavoli; non vedono contemporaneamente pregi e difetti, nè vizi e virtù, in ogni personaggio di cui parlano. Praticamente vedono solo o bianco o nero, mai grigio!!!!!!!!!!!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download