Google+

«Basta con gli incentivi improduttivi: troppe imprese non reinvestono la “paghetta”»

luglio 23, 2012 Carlo Candiani

Francesco Giavazzi propone al governo di tagliare 10 miliardi di contributi improduttivi alle imprese. Intervista a Paolo Preti, docente alla Bocconi di organizzazione per le Pmi: «Abbiamo buttato troppi soldi pubblici».

È sul tavolo del governo e potrebbe essere un contributo importante alla “fase tre” dell’esecutivo Monti in tema di spending review: si tratta della proposta di Francesco Giavazzi, docente di economia all’Università Bocconi di Milano, editorialista del Corriere della Sera e super consulente dei tecnici che vuole eliminare gli incentivi pubblici alle imprese che non creano investimenti aggiuntivi, usando in altro modo i 10 miliardi risparmiati. «La logica di eliminare l’improduttività degli incentivi pubblici è giusta perché colpisce le rendite» dichiara a tempi.it Paolo Preti (nella foto), docente presso l’università Bocconi di organizzazione per le Piccole e medie imprese. «Anche se togliere incentivi alle imprese che sono abituate ad averli è rischioso. I tagli possono creare difficoltà a chi ha già problemi».

Quali incentivi è bene che vengano tagliati?
L’attenzione di Giavazzi si focalizza sugli incentivi all’industria nel Sud. Certo, operare al Sud è interesse dello Stato che vuole valorizzare l’industrializzazione, anche all’interno di un territorio nel quale c’è una forte presenza di criminalità organizzata. Dando dei soldi, però, non si ha l’automatica certezza che un’industria sarà operativa e capace di stare sui mercati: bisogna premiare l’imprenditore capace, indipendentemente dal territorio in cui opera, e non dire all’impresa che se apre al Sud riceve un incentivo. Altrimenti si rischia che non produca nulla.

Non è un discorso da leghisti?
I tagli agli incentivi improduttivi valgono per tutto il territorio: ma è innegabile che in questi anni si sono buttati soldi pubblici, favorendo imprese, per il solo fatto che aprissero al Sud, senza che producessero l’onda lunga dell’occupazione.

Quali sono gli incentivi produttivi?
Se io incentivo ricerca e sviluppo, non assicuro direttamente produzione, però se va a buon fine avrò come risultati nuovi brevetti e nuovi materiali che possono avviare un circolo industriale virtuoso.

Quello proposto da Giavazzi è per il presidente di Confindustria Squinzi un passo avanti, per altri un provvedimento che non darà risultati.
Il vero risultato non è un “più” diretto ai risultati economici, ma un “meno” alla spesa pubblica. Anche se bisogna augurarcelo, non sarà tanto un miglioramento dei risultati economici delle imprese in funzione dei sussidi pubblici, ma una diminuzione immediata della spesa pubblica, che spesso è stata improduttiva.

Potrebbe ridursi il cuneo fiscale sul lavoro?
Dipende. Posto che questa proposta venga attivata, bisognerà vedere se quei dieci miliardi di risparmio, sui trentasei che in generale lo Stato spende, andranno a coprire il mancato gettito dei due punti in più dell’Iva, previsto per luglio 2013: allora ben più della metà sarebbero già occupati. Se, invece, come più logico, tutta la somma sarà impiegata a ridurre il cuneo fiscale, allora sarà legittimo mettere in conto quel punto e mezzo di Pil in più.

Dieci miliardi di tagli su trentasei: è il massimo che si poteva proporre?
Mah, l’impressione è che dalla cifra che rimane si potesse togliere ancora qualcosa. Capisco, però, il bisogno di procedere per gradi. Dipende da come funzionerà questo primo approccio.

Molti dicono: ma come, si tolgono soldi alle imprese?
Rispondo: se un’azienda va in banca a fare un mutuo e investe i soldi ricevuti per comprare una casa, che magari insieme ad altre bonifica un quartiere, è un conto. Se invece ricevo una somma e poi non la reinvesto, ma la metto sotto il materasso, come fanno certe banche con i soldi dell’Europa, è un altro perché quella somma è improduttiva. È l’esempio della paghetta: si rischia di passare la vita vivendo della mancia dei genitori.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. francesco taddei says:

    invece di premiare maggiormente le pubblicazioni non si potrebbe tentare la strada dell’ incentivazione al brevetto anche nelle università?

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Botte piena e moglie ubriaca? I moderni pneumatici Sport Touring puntano a darvi di tutto un po’. Durata, comportamento sul bagnato, e guida “spigliata” sono i punti chiavi su cui Michelin ha lavorato per il nuovo Road 5. Saranno riusciti nell’intento? Siamo andati in Spagna per verificarlo

L'articolo Prova Michelin Road 5 Sport Touring per vocazione proviene da RED Live.

Tutta nuova, la berlina del Leone graffia molto di più rispetto al passato. Perché è più corta e bassa, ha un design dinamico e la solita attenzione al look by Peugeot. La toccheremo con mano al prossimo Salone di Ginevra

L'articolo Nuova Peugeot 508, la berlina si fa bella proviene da RED Live.

Basata sulla piattaforma EMP2, ha due lunghezze, un bagagliaio smisurato e interni da berlina di lusso. Per elevare verso nuovi orizzonti il concetto di veicolo Multispazio

L'articolo Peugeot Rifter, la nuova multispazio a Ginevra proviene da RED Live.

Una storia, quella delle Sportster, nata nel 1957 e destinata a continuare senza sosta e senza eclatanti sorprese. Anche quest’anno infatti la famiglia si allarga e lo fa grazie a due nuove interpretazioni che combinano lo stile rétro ispirato ai canoni classici del mondo custom e le prestazioni pungenti del motore V-Twin 1200 Evolution.  IRON […]

L'articolo Nuove H-D Sportster Forty-Eight Special e Iron 1200 proviene da RED Live.

In attesa di vederla sulle strade a fine anno, la city car approda a Milano in occasione Fashion Week, con livrea e interni a cura del direttore creativo della Maison Moschino

L'articolo Renault Clio in salsa pop proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi