Google+

Bangladesh: islamisti uccidono giovane cattolico. Si era lamentato dei soprusi subiti dai cristiani

gennaio 14, 2014 Redazione

I musulmani avevano chiesto di boicottare le recenti elezioni e si sono vendicati contro tutti coloro che non li hanno ascoltati

Come riportato da AsiaNews, lo scorso 11 gennaio un giovane cattolico del Bangladesh, Ovidio Marandy, è stato ucciso da un gruppo di radicali islamici come punizione per aver denunciato le violenze islamiche contro i cristiani ben descritte dall’articolo di Acs Italia che riportiamo di seguito.

Continuano a temere le minoranze religiose del Bangladesh. Testimonianze raccolte nei giorni scorsi da Aiuto alla Chiesa che Soffre rivelano come in seguito alle consultazioni del 5 gennaio in alcune aree del paese la situazione sia ancora tesa.

Le elezioni generali che hanno sancito la vittoria del partito Awami League, guidato dal premier Sheikh Hasina, sono state fortemente osteggiate dalla principale formazione dell’opposizione, il Bangladesh Nationalist Party (BNP), e dal gruppo islamista Jamaat-e-Islami. Entrambe le fazioni – che più volte hanno chiesto le dimissioni della Hasina e la formazione di un governo provvisorio – hanno esercitato forti pressioni sulla popolazione locale affinché boicottasse le consultazioni.

Anche le minoranze religiose, in particolar modo quella indù, hanno subito attacchi da parte dei fondamentalisti che hanno minacciato di morte chiunque non avesse disertato le votazioni. «Durante il periodo natalizio abbiamo vissuto giorni terribili – racconta ad ACS un fedele della diocesi di Dinajpur che per ragioni di sicurezza ha preferito rimanere anonimo – Per noi cristiani il Natale dovrebbe essere un momento di immensa gioia e invece in troppi hanno dovuto rinunciare alle celebrazioni».

Le strade bloccate e gli attentati hanno impedito a catechisti e sacerdoti di raggiungere i fedeli nei diversi villaggi. «Perfino muoversi all’interno della stessa città era di fatto impossibile. Tantissimi non-musulmani sono stati picchiati a sangue e le loro case saccheggiate e distrutte».
La diocesi di Dinajpur, nel Bangladesh nord-occidentale, è tra le aree che destano maggiore preoccupazione. Nei mesi scorsi si sono verificati numerosi attacchi ai danni della comunità cristiana, inclusa l’irruzione di alcuni fondamentalisti nel seminario interdiocesano “Jisu Dhyana Niloy”.

La situazione non è affatto migliorata con l’apertura dei seggi, centinaia dei quali sono stati gravemente danneggiati dai sostenitori di BNP e Jamaat-e-Islami. A causa di boicottaggi e intimidazioni l’affluenza alle urne ha di poco superato il 20%. Vista la poca partecipazione elettorale e la chiusura anticipata dei seggi interessati dai disordini, l’opposizione ha chiesto immediatamente che fosse riconosciuta l’irregolarità delle consultazioni. Le ulteriori polemiche non hanno fatto che accrescere le tensioni.
«Il 7 gennaio – continua la fonte – è stato dato alle fiamme un villaggio cristiano. Tante persone, inclusi alcuni miei familiari, sono state duramente picchiate dagli estremisti». Secondo le ultime stime, il bilancio degli scontri avvenuti durante le elezioni sarebbe di almeno 21 morti ed oltre 300 feriti.

Fortunatamente non tutto il paese è stato interessato da violenze di tale entità. Un sacerdote che vive a Dacca, riferisce ad ACS che, grazie ad un considerevole impiego delle forze di polizia, nella capitale il clima è rimasto piuttosto tranquillo. «La chiesa in cui ho celebrato la messa di Natale, in un villaggio a 30 chilometri da Dacca, era sorvegliata da ben dieci agenti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. giuliano scrive:

    martiri cristiani del XXI° secolo

  2. Antonio scrive:

    noi i loro straccioni bengalesi in Italia li dobbiamo trattare coi guanti bianchi, quando portano solo degrado, miseria, imprenditoria di infima qualità, ignoranza…

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana