Google+

Bangladesh: islamisti uccidono giovane cattolico. Si era lamentato dei soprusi subiti dai cristiani

gennaio 14, 2014 Redazione

I musulmani avevano chiesto di boicottare le recenti elezioni e si sono vendicati contro tutti coloro che non li hanno ascoltati

Come riportato da AsiaNews, lo scorso 11 gennaio un giovane cattolico del Bangladesh, Ovidio Marandy, è stato ucciso da un gruppo di radicali islamici come punizione per aver denunciato le violenze islamiche contro i cristiani ben descritte dall’articolo di Acs Italia che riportiamo di seguito.

Continuano a temere le minoranze religiose del Bangladesh. Testimonianze raccolte nei giorni scorsi da Aiuto alla Chiesa che Soffre rivelano come in seguito alle consultazioni del 5 gennaio in alcune aree del paese la situazione sia ancora tesa.

Le elezioni generali che hanno sancito la vittoria del partito Awami League, guidato dal premier Sheikh Hasina, sono state fortemente osteggiate dalla principale formazione dell’opposizione, il Bangladesh Nationalist Party (BNP), e dal gruppo islamista Jamaat-e-Islami. Entrambe le fazioni – che più volte hanno chiesto le dimissioni della Hasina e la formazione di un governo provvisorio – hanno esercitato forti pressioni sulla popolazione locale affinché boicottasse le consultazioni.

Anche le minoranze religiose, in particolar modo quella indù, hanno subito attacchi da parte dei fondamentalisti che hanno minacciato di morte chiunque non avesse disertato le votazioni. «Durante il periodo natalizio abbiamo vissuto giorni terribili – racconta ad ACS un fedele della diocesi di Dinajpur che per ragioni di sicurezza ha preferito rimanere anonimo – Per noi cristiani il Natale dovrebbe essere un momento di immensa gioia e invece in troppi hanno dovuto rinunciare alle celebrazioni».

Le strade bloccate e gli attentati hanno impedito a catechisti e sacerdoti di raggiungere i fedeli nei diversi villaggi. «Perfino muoversi all’interno della stessa città era di fatto impossibile. Tantissimi non-musulmani sono stati picchiati a sangue e le loro case saccheggiate e distrutte».
La diocesi di Dinajpur, nel Bangladesh nord-occidentale, è tra le aree che destano maggiore preoccupazione. Nei mesi scorsi si sono verificati numerosi attacchi ai danni della comunità cristiana, inclusa l’irruzione di alcuni fondamentalisti nel seminario interdiocesano “Jisu Dhyana Niloy”.

La situazione non è affatto migliorata con l’apertura dei seggi, centinaia dei quali sono stati gravemente danneggiati dai sostenitori di BNP e Jamaat-e-Islami. A causa di boicottaggi e intimidazioni l’affluenza alle urne ha di poco superato il 20%. Vista la poca partecipazione elettorale e la chiusura anticipata dei seggi interessati dai disordini, l’opposizione ha chiesto immediatamente che fosse riconosciuta l’irregolarità delle consultazioni. Le ulteriori polemiche non hanno fatto che accrescere le tensioni.
«Il 7 gennaio – continua la fonte – è stato dato alle fiamme un villaggio cristiano. Tante persone, inclusi alcuni miei familiari, sono state duramente picchiate dagli estremisti». Secondo le ultime stime, il bilancio degli scontri avvenuti durante le elezioni sarebbe di almeno 21 morti ed oltre 300 feriti.

Fortunatamente non tutto il paese è stato interessato da violenze di tale entità. Un sacerdote che vive a Dacca, riferisce ad ACS che, grazie ad un considerevole impiego delle forze di polizia, nella capitale il clima è rimasto piuttosto tranquillo. «La chiesa in cui ho celebrato la messa di Natale, in un villaggio a 30 chilometri da Dacca, era sorvegliata da ben dieci agenti».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. giuliano says:

    martiri cristiani del XXI° secolo

  2. Antonio says:

    noi i loro straccioni bengalesi in Italia li dobbiamo trattare coi guanti bianchi, quando portano solo degrado, miseria, imprenditoria di infima qualità, ignoranza…

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi