Google+

Banca islamica licenzia cristiana «perché non porta il velo integrale»

maggio 29, 2012 Daniele Ciacci

La Jordan Dubai Islamic Bank ad Amman ha presentato sulla scrivania di Vivian Salameh, da venticinque anni assistant manager, la lettera di licenziamento.

Licenziata perché si rifiuta di portare il velo integrale. Il codice aziendale prevede «indumenti che riflettano le nostre tradizioni islamico-conservatrici». Queste le parole della portavoce della Jordan Dubai Islamic Bank, istituto di credito arabo che settimana scorsa, ad Amman, ha presentato sulla scrivania di Vivian Salameh, da venticinque anni assistant manager, la lettera di licenziamento. «Sono cristiana, perché mai dovrei indossare qualcosa che non è dettato dalla mia religione?» lamenta Salameh.

«La Giordania non è l’Iraq», ricorda la disoccupata. Ma la condizione dei cristiani non è rosea neppure qui, sul Golfo arabo. Su circa sei milioni di abitanti, solo il 4 per cento si dichiara cristiano: circa 240 mila persone. Soggetti liberi di professare la loro fede in privato, ma non nei luoghi di lavoro. «Eppure continuiamo a compiacerci delle nostre libertà personali e religiose sancite dalla Costituzione» rivela l’inquisita, nonostante il ministero del Commercio e dell’industria giordano dia ragione alla banca. Il contratto, infatti, prevedeva l’impiego di un’uniforme con tanto di «pezzo di stoffa bianca, alla moda, che mostra la linea dei capelli».

Il codice di vestiario è entrato in vigore nel marzo del 2010, quando la Jordan Dubai Islamic Bank ha acquistato i titoli della Jordan’s Industrial Development Bank, dove lavorava Vivian Salameh. Quest’ultima si è sempre dichiarata contraria al velo imposto dalla politica societaria, ma soltanto due settimane fa aveva confermato ai superiori la propria ferma decisione: «Non mi coprirò il capo». Il risultato? Licenziata in tronco. E adesso si aprono le vie legali per cercare di risolvere la situazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi