Google+

Banca islamica licenzia cristiana «perché non porta il velo integrale»

maggio 29, 2012 Daniele Ciacci

La Jordan Dubai Islamic Bank ad Amman ha presentato sulla scrivania di Vivian Salameh, da venticinque anni assistant manager, la lettera di licenziamento.

Licenziata perché si rifiuta di portare il velo integrale. Il codice aziendale prevede «indumenti che riflettano le nostre tradizioni islamico-conservatrici». Queste le parole della portavoce della Jordan Dubai Islamic Bank, istituto di credito arabo che settimana scorsa, ad Amman, ha presentato sulla scrivania di Vivian Salameh, da venticinque anni assistant manager, la lettera di licenziamento. «Sono cristiana, perché mai dovrei indossare qualcosa che non è dettato dalla mia religione?» lamenta Salameh.

«La Giordania non è l’Iraq», ricorda la disoccupata. Ma la condizione dei cristiani non è rosea neppure qui, sul Golfo arabo. Su circa sei milioni di abitanti, solo il 4 per cento si dichiara cristiano: circa 240 mila persone. Soggetti liberi di professare la loro fede in privato, ma non nei luoghi di lavoro. «Eppure continuiamo a compiacerci delle nostre libertà personali e religiose sancite dalla Costituzione» rivela l’inquisita, nonostante il ministero del Commercio e dell’industria giordano dia ragione alla banca. Il contratto, infatti, prevedeva l’impiego di un’uniforme con tanto di «pezzo di stoffa bianca, alla moda, che mostra la linea dei capelli».

Il codice di vestiario è entrato in vigore nel marzo del 2010, quando la Jordan Dubai Islamic Bank ha acquistato i titoli della Jordan’s Industrial Development Bank, dove lavorava Vivian Salameh. Quest’ultima si è sempre dichiarata contraria al velo imposto dalla politica societaria, ma soltanto due settimane fa aveva confermato ai superiori la propria ferma decisione: «Non mi coprirò il capo». Il risultato? Licenziata in tronco. E adesso si aprono le vie legali per cercare di risolvere la situazione.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana