Google+

bambini finti

aprile 16, 2012 Elisabetta Longo

Non passa giorno che non arrivi a turbarci qualche nuova moda. Mentre ci sono tante ragazzine che amano diventare pressoché uguali a bambole viventi, succede anche il contrario, che ci siano persone che desiderano avere bambole che sembrano esseri viventi, bambini a dirla tutta. Li chiamano “reborn babies”, e sono la cosa più sinistra su […]

Non passa giorno che non arrivi a turbarci qualche nuova moda. Mentre ci sono tante ragazzine che amano diventare pressoché uguali a bambole viventi, succede anche il contrario, che ci siano persone che desiderano avere bambole che sembrano esseri viventi, bambini a dirla tutta. Li chiamano “reborn babies”, e sono la cosa più sinistra su cui ci si possa imbattere, uguali a neonati (dai 0-3 mesi) in tutto e per tutto. Queste bambole sanno avere l’espressione incerta di chi si sta approcciando alla vita, e tutta quella serie di particolari fisici che hanno i neonati, la pelle morbida, la peluria sottile, il cordone ombelicale reciso e un corredino di tutto rispetto. Create agli inizi degli anni Novanta, questi “reborn babies” hanno cominciato ad avere sempre più seguaci, e sempre più produttori, tanto che esiste proprio una organizzazione mondiale che raduna gli “International reborn doll artists”. A Birmingham c’è un negozio dedicato solo a queste bambole, e la proprietaria del negozio sta vedendo sempre più arrivare nel suo negozio un numero crescente di donne che vogliono questo tipo di oggetto con sé. Un oggetto a forma di neonato che ha bisogno di appena tre settimane per nascere tra le mani di Suzanne Lewis. Che aveva un negozio di articoli per l’infanzia, e che da quando ha esposto le sue bambole un paio di anni fa, ha completamente commutato il negozio in vendita esclusiva di questi manufatti. Suzanne racconta al Mirror che le sono state richieste centinaia e centinaia di bambole, ognuna delle quali è unica, come il bambino che vuole essere.

Tre settimane di lavoro, 40 ore per la composizione millimetrica del cuoio capelluto e delle ciglia degli occhi, della colorazione delle venuzze e delle unghie, tutto viene studiato in questo negozio che sa addirittura di olio per bambini e talco profumato, un profumo di infanzia inconfondibile per chiunque. Le clienti che si rivolgono alla Lewis sono per lo più donne che hanno avuto qualche trauma o qualche perdita, e che nel prendersi cura di queste bambole ritrovano una sinistra pace. C’è la signora che è arrivata a comprarne venti e giura di fermarsi perché non ha più posto nella “nursery” fatta in casa sua, c’è quella che ne ha solo tre come tre sono i familiari che ha perso in un incidente stradale, ci sono delle madri che ne comprano uno per le loro figlie adolescenti con lo scopo di “spaventarle” e non far loro correre il pericolo di una gravidanza in età da liceo. La dottoressa Jane McCartney, interpellata dal quotidiano inglese, sostiene che in certe donne l’acquisto di una di queste “reborn baby” scateni produzione di ossitocina, l’ormone del parto, e che sia questo a farle stare bene. A Suzanne il giudizio degli altri, di quelli che vedono il fenomeno come inquietante non importa, per lei sono solo affari. E per duecento sterline il bambino surrogato può essere di chiunque lo voglia.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Boog says:

    io sono stata … io sono stata sfortunata ….a fine novembre il pacchetto è stato bloccato a Linate e ad oggi, dopo aver spedito tutta la documentazione dell’acquisto (tre moduli..fotocopie del documento e del c.f. dichiarazioni autocertificazioni e quant’altro) ad oggi non si vede nulla….. Fortunate voi!!! Baci sei bellissima!

  2. Rose says:

    idem a me! stesso … idem a me! stesso periodo! credo che li rivedremo sicuramente dopo natale, all’anno nuovo! perchè ho chiamato alla dogana e mi hanno detto che queste cose vanno alla lunga!… proprio quello che volevo sentirmi dire (((

  3. Cathleen says:

    La campagna proibizionistica la trovo giusta. Non si beve quando si guida o si muore. Da giovane europeo però mi chiedo come mai nel mio paese altro mezzo oltre la macchina non è presente, Londra, Berlino, Madrid, Parigi, Amsterdam etc nessuno, (o quasi, e comunque può scegliere) lì si sogna di guidare ubriaco, basta che prende i mezzi pubblici, i quali FUNZIONANO TUTTA LA NOTTE, e così DEVE diventare anche qui. Uno esce beve quanto gli pare spende quanto vuole e torna sereno a casa. Ma…ho come l'impressione che i vecchi che ci governano, e quelli che dicono di avercelo duro che poi a ben vedere nn si direbbe, non capiscono, e allora poverini aiutiamoli noi a calci, o capiscono e allora vaffanculo. Riccardo Passoni

  4. Janean Vear says:

    I just want to say I’m all new to weblog and really savored your web-site. Very likely I’m likely to bookmark your blog . You really have remarkable writings. Bless you for sharing your website.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

Al Motor Bike Expo di Verona, dal 18 al 21 gennaio, Metzeler si presenta con una limited edition del suo pneumatico più custom: si chiama Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall

L'articolo Metzeler ME 888 Marathon Ultra Orangewall: più colore al custom proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download