Google+

Bambine siriane costrette a sposarsi per evitare stupri e rapimenti

luglio 19, 2014 Redazione

In Siria e nei campi profughi in Giordania, alcune madri danno in sposa le proprie figlie di 12, 13, 14 anni a sconosciuti per proteggerle dalle violenze

Da quando è iniziata la guerra civile in Siria, 150 mila famiglie siriane sono guidate da donne. Molte di loro spingono le proprie figlie a sposarsi, ancora giovanissime, per evitare che siano stuprate o rapite. Ne ha parlato giovedì il Guardian, riportando le storie di alcune madri che oggi vivono nel campo profughi di Zaatari, in Giordania, sul confine con la Siria.

NEL CAMPO PROFUGHI. Rulla, una ragazzina di 13 anni, come altre sue coetanee siriane che vivono nel campo profughi di Zaatari è stata fatta sposare per evitare che fosse violentata. Nonostante il campo profughi sia «un paradiso in confronto con l’inferno di Daraa», afferma la madre di Rulla, non esiste alcuna sicurezza per le giovani donne. «Le tende sono molto vicine le une alle altre», spiega la madre di Rulla al Guardian. Quando le figlie devono andare in bagno, «sono costretta ad accompagnarle una ad una». C’è infatti chi le molesta e chi cerca di guardare nella tenda mentre le ragazzine fanno il bagno. Per questo «le madri danno le figlie in sposa senza chiedere doti – dice la donna- Vogliono solo un uomo per le loro figlie». Se le bambine fossero stuprate e il crimine fosse reso pubblico, infatti, i parenti potrebbero anche ucciderle. «La maggior parte dei matrimoni nel campo profughi riguardano ragazze di 12, 13 o 14 anni – prosegue la donna – Ma a volte, anche le bambine di dieci anni possono sposarsi se sono alte e sviluppate».

TUTTI VOGLIONO SPOSI PER LE FIGLIE. La madre di un’altra moglie-ragazzina, Dima, racconta al Guardian che a Daraa «tre giovani ragazze del nostro quartiere sono scomparse mentre camminavano verso un altro villaggio». Da quando c’è la guerra, «le attività quotidiane più semplici, come i viaggi in autobus sono diventate un tormento. Se su un autobus un uomo vuole una ragazza, può costringerla ad andare con lui». Per questo in Siria «tutti vogliono dare in sposa le proprie figlie; altrimenti dovrebbero rinchiuderle in casa». «Dima aveva 15 anni, andava ancora a scuola, era brava, ma ero preoccupata che potesse essere rapita o violentata dai soldati sulla strada per la scuola», racconta la madre. «La migliore sicurezza sarebbe stata avere un marito». «Era molto meglio per lei sposarsi, anche se era ancora una bambina, che essere violentata da un soldato», spiega. Dima, però, non si è abituata al matrimonio con un uomo sconosciuto e il marito l’ha ripudiata dopo pochi mesi. Insieme alla madre, ora vive nel campo profughi di Zaatari, in Giordania. Dopo il divorzio, la ragazzina ha rifiutato di tornare a studiare e di incontrare persone per la vergogna di essere stata ripudiata.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. filomena scrive:

    Tutto ciò è frutto dei retaggi di una cultura generalizzata che risale dalla notte dei tempi, per la quale la condizione della donna rispetto a quella dell’uomo è di sottomissione in quanto sarebbe solo l’uomo l’unica fonte di saggezza e potere, mentre la donna molto più umorale e dedita all’accoglienza non avrebbe le doti necessarie per far valere la propria indipendenza. Di questa sub cultura nessuna società o religione può dirsene esente originariamente.

    • Orazio Pecci scrive:

      Come a dire – Filomena – che è la loro cultura e quindi va bene così, nevvero? Lei che è donna di mondo lo sa, noialtri che ci scandalizziamo siamo cafoni, terroni, retrogradi e magari pure machisti.
      L’indignazione e il senonoraquando, evidentemente, sono da riservare a benaltro…
      Ma mi faccia il piacere!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana