Google+

Ballare in Iran è “haram”. Il regime mette al bando anche la zumba

giugno 20, 2017 Redazione

La federazione Sport per tutti ha dichiarato «illegale» la famosa pratica ginnica perché prevede «movimenti ritmici e passi di danza»

Musica e danza sono già formalmente vietate in Iran, ma ora nella lista nera si aggiunge anche la zumba, la ginnastica aerobica che si pratica su ritmi latino americani, divenuta una moda in tutto il mondo. Come riporta il New York Times, anche l’Iran negli ultimi anni ha vissuto una svolta salutista e molte donne hanno cominciato a iscriversi in palestra e a frequentare corsi di questa pseudo-danza per perdere peso. Ma il presidente della federazione Sport per tutti, l’organizzazione statale volta a promuovere le attività sportive e uno stile di vita sano, ha messo al bando la zumba dichiarandola contraria ai precetti islamici. In una lettera, ha dichiarato «illegale» questa pratica in quanto prevede «movimenti ritmici e passi di danza in varie forme e sotto vari titoli».

A partire dalla rivoluzione islamica del 1979, i capi religiosi sciiti hanno codificato in legge una serie di severe regolamentazioni della vita quotidiana per evitare che i fedeli «cadano in tentazione e commettano peccati». Nonostante le trasgressioni siano punite con multe o frustate, gli iraniani tendono a osservare sempre di meno queste regole, come dimostrato dai balli per strada inscenati da migliaia di uomini e donne settimana scorsa per festeggiare la qualificazione della nazionale di calcio ai Mondiali del 2018.

Nella pratica, alcune attività molto popolari benché proibite sono spesso tollerate se praticate in semi-clandestinità o con un nome differente. I corsi di zumba, ad esempio, per molto tempo si sono chiamati «esercizi sulla musica», «aerobica avanzata» o «Mumba». Quattro anni fa però, un istruttore di zumba ha cominciato a chiamare questa attività con il suo nome originario, seguito a catena da molti altri, portando la Federazione a ribadire con forza il divieto a ogni tipo di danza.

«Anche se mi sembra un buon esercizio per la gente come me», ha commentato al Nyt Hossein Ghayyoumi, imam 66enne affetto da artrite, sostenitore del rieletto presidente Hassan Rohani, «in quanto religioso, ho imparato che la danza e la musica sono dei mezzi per cercare il piacere e dunque haram o illegali». Anche Zumba Fitness, azienda americana che controlla il marchio registrato, ha preferito non scontrarsi con il regime iraniano e ha abbandonato gli istruttori che lavorano nel paese. L’anno scorso ha revocato la licenza a un’istruttrice iraniana, Sunny Nafisi, che non ha alcuna intenzione di smettere: «Ho 40 iscritti al mio corso. Lo porterò avanti cambiandogli nome».

Foto Ansa

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

Si chiama Nolan N90-2 ed è l’apribile entry level di Nolan. Adatto sia all’utilizzo in città sia per un lungo viaggio, costa 269,99 euro

L'articolo Nolan N90-2, apribile entry level proviene da RED Live.

I fiori mai sbocciati dell’automobilismo mondiale No, loro non ce l’hanno fatta. Non sono riuscite ad arrivare in produzione, perse nei meandri delle logiche commerciali, del marketing, degli eventi globali o, semplicemente, dell’indecisione dei costruttori. Sono quelle centinaia di concept car – o prototipi che dir si voglia – realizzati in piccolissimi numeri, quando non […]

L'articolo Le auto che non sono mai nate proviene da RED Live.

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana